0 3 mins
IlSudOnLine

Alla fine ha prevalso la ministra per il Sud, Barbara Lezzi, sui dubbi della Ragioneria. Per i neo assunti under 36 o con più di 35 anni ma disoccupoati da almeno sei mesi, scatterà la decontribuzione al 100 per cento. In via Venti Settembre, invece, si puntava ad uno sconto del 50% esteso a livello nazionale. Nel testo della manovra è previsto, invece, la proroga l’esonero contributivo già inserita dal decreto dignita’ elevandolo dal 50 al 100% per queste categorie di lavoratori. Il costo dell’operazione sarà di 500 milioni di euroi all’anno nel 2019 e nel 2020. Il limite massimo su bas annua sarà di 8060 euro ed è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente.

Esonero contributivo al 100%, fino a 8.060 euro per 12 mesi, sulle assunzioni (o trasformazioni) con contratto a tempo indeterminato o apprendistato professionalizzante di lavoratori di qualsiasi età effettuate nelle regioni del SUD (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise, Sardegna), che abbiano lo stato di disoccupato.

 

L’Incentivo occupazione Mezzogiorno per l’anno 2018, ai sensi dell’art. 3 del Decreto, che disciplina l'”Ambito territoriale di ammissibilità” spetta “esclusivamente laddove la sede di lavoro, per la quale viene effettuata l’assunzione sia ubicata:

nelle Regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia);
o nelle Regioni “in transizione” (Abruzzo, Molise e Sardegna),
indipendentemente dalla residenza del lavoratore”.
Pertanto il punto di riferimento per poter beneficiare dell’incentivo non è la residenza del lavoratore, ma la sede del datore di lavoro dove deve essere assunto il lavoratore interessato.

In caso di spostamento della sede di lavoro al di fuori dalle Regioni sopra descritte, l’incentivo non spetta a partire dal mese di paga successivo a quello di trasferimento. Ciò è previsto dall’art. 3 del Decreto.

Assunzioni per le quali spetta l’incentivo occupazione Mezzogiorno
Così come era previsto per l’incentivo occupazione SUD, spesso nominato Bonus SUD o BSUD, il nuovo incentivo occupazione Mezzogiorno 2018, ai sensi dell’art. 4 del Decreto Anpal, “è riconosciuto esclusivamente per le seguenti tipologie contrattuali:

contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione;
contratto di apprendistato professionalizzante”.
“L’Incentivo è riconosciuto anche in caso di trasformazioni a tempo indeterminato di un rapporto di lavoro a tempo determinato”.
Tra le assunzioni agevolate rientrano anche le assunzioni del socio di cooperativa, se assunto con contratto di lavoro subordinato.

Assunzioni escluse. Anche per questo incentivo sono escluse le assunzioni con contratto di lavoro domestico, occasionale o intermittente.

Sul contratto di apprendistato professionalizzante va osservato che l’incentivazione effettiva si concretizza nell’azzeramento dell’aliquota contributiva già di per sé ridotta per la tipologia contrattuale e pertanto si concretizza in un risparmio contributivo esiguo.

 

Leggi di più

Le principali notizie sui giornali di martedì 23 ottobre
Ecco le principali notizie in evidenza sui giornali di martedì
De Laurentiis è ottimista: “Lo scudetto al Napoli? Tutto è possibile…”
”Lo scudetto? Nel calcio è tutto possibile, basta che qualcuno
Le notizie in evidenza sui giornali di lunedì 22 ottobre
Politica interna Il M5S stoppa Grillo. II fondatore e garante del
Boccia (Confindustria): “Se è un sussidio, il reddito di cittadinanza rovina il Sud”
Di Enrica Procaccini Confindustria torna in trincea. La manovra economica
Terzo Tempo
0 9 mins
IlSudOnLine
foto di Diego Figone

di Eleonora Diquattro

Con gli oltre ai 250 eventi diffusi e centinaia di relatori venuti a Pisa da ogni parte del mondo per confrontarsi sull’accelerazione tecnologica della nostra epoca, si è terminata la scorsa settimana l’edizione 2018 del Internet Festival, quest’anno dedicata all’esplorazione delle molteplici declinazioni dell’intelligenza, umana e non umana. Novità del futuro prossimo di #IF2018: dal primo drone per il trasporto di sangue, all’algoritmo per migliorare l’analisi delle partite di calcio, dalla blockchain ai nuovi diritti, dalla cybersecurity alla datacrazia, dagli animali cibernetici agli influencer sui consensi politici, fino alle star della Rete.

Tra gli appuntamenti della sezione Off The Platform, che hanno riscosso notevole attenzione di pubblico e critica, vi è stato lo spettacolo teatrale Pasolini Lives. Uno short play teatrale, musicale e multimediale che rilegge alcuni dei brani più visionari di Pier Paolo Pasolini, attualizzandoli nello scenario sociale e mediatico odierno. Un progetto a cura di Antonio Pavolini per i testi, di Nicola Fanucchi per le letture, di Alessandro Sebastiani per le musiche originali e di Carlotta Lucchesi per il Framing multimediale.

Iniziamo parlando di loro, del pubblico in sala venuto per ascoltare il vostro Pasolini live, diviso a metà: under trenta e senior, perché secondo voi?

Pavolini: Provo a dare la mia lettura. Da una parte c’è una rete di persone che lavorano attorno al teatro, c’è questa bipartizione naturale quella dei senior,  la generazione più abituata a frequentare il teatro, a sceglierlo come luogo abituale del racconto, mentre i giovani che hai visto sono i tanti studenti che in questi giorni hanno visitato  e seguito tutto l’Internet Festival premiando soprattutto, devo dirlo, gli spettacoli più che i panel.

Fanucchi: Questo è una cosa che mi da tanta speranza e ottimismo, pur non sapendo a priori quale sarà il pubblico che troverai in sala. Mettiamo che i 50enni hanno un ricordo di Pasolini e delle sue vicende, i quarantenni probabilmente l’hanno già messo alle spalle e forse anche dimenticato, nei ragazzi può darsi ci sia una voglia di ritrovare una parola vera. C’è un pezzo bellissimo montato, in cui Pasolini dice che alla fine noi non potremo più esprimerci con parole vere, con parole di verità. Io credo davvero che i ragazzi abbiano adesso la voglia di ritrovare un territorio di verità, una delle responsabilità del teatro è questa, verità che non si ritrova nei luoghi né non luoghi oggi più frequentati.

 

Qual è il percorso narrativo nella scelta dei testi e dei video?

Pavolini: La scelta dei video segue un filo “emotivo”ma non porta con sé una tesi. Noi non abbiamo una tesi, anche perché questo spettacolo nasce proprio per essere inserito in contesti come questo, nel quale molti arrivano per quattro giorni con tante risposte preconfezionate, ci…

Leggi di più

La rivoluzione dei robot, entro il 2025 occuperanno la metà dei posti di lavoro
Entro il 2025 più della metà dei lavori attualmente esistenti
Scintille apre la stagione del teatro Verga di Catania
Di FAUSTA TESTAJ’ Il  9 Ottobre è cominciata la stagione
LA LETTURA. Una sinfonia di Santi al tempo del beato Faà di Bruno
Il mio soggiorno a Torino, mi ha dato l’opportunità di
Le reti
0 4 mins
IlSudOnLine

Molti sono i neologismi moderni con i quali abbiamo accesso a nuovi mondi da conoscere. Uno di questi è il termine Gamification sempre più utilizzato al giorno d’oggi e che letteralmente viene tradotto come ludicizzazione. Si tratta di un processo che trasforma qualsiasi aspetto della vita quotidiana in un gioco fatto di obiettivi e ricompense.

Ogni individuo può giocare una partita ogni giorno sul campo della propria vita ed il raggiungimento di piccoli obiettivi alla portata di tutti conduce ad una ricompensa che produce motivazione. Sin da bambini si viene educati a ricevere ricompense per il superamento di obiettivi prefissati dai genitori. Quindi un bambino che si comporta bene tutto l’anno riceverà regali a Natale e un ragazzo che prende buoni voti a scuola potrà ricevere il motorino che desidera.

La generazione dei Millennials conosce molto bene questi meccanismi che pongono obiettivi a breve termine per poter andare avanti nel gioco. Infatti, proprio come nei videogiochi o nelle slot machine online l’impegno dedicato può corrispondere ad un premio, al superamento di livelli o alla possibilità di sbloccare ulteriori scenari.

Tutto questo genera piccoli attimi di felicità grazie alla produzione da parte del corpo di una sostanza chimica rilasciata nel sangue: la dopamina. Tale sostanza esercita una funzione determinante sul sistema nervoso simpatico aumentando la pressione sanguigna ed il battito cardiaco come in presenza di stati di eccitazione.

La generazione degli smartphone è abituata a svolgere tutte le attività quotidiane, come raggiungere un certo numero di passi al giorno, bere una determinata quantità d’acqua per depurarsi e dimagrire, segnalare rallentamenti sulla strada piuttosto che l’errore in una mappa, per ottenere piccoli compensi all’apparenza di poco conto, ma che in realtà sono molti importanti per gli individui che ritrovano la motivazione come spiegato dalla rivista Scientific American. La loro importanza deriva da tre fattori principali che riguardano altrettante sfere psicologiche e sono l’autonomia nell’aver conquistato un obiettivo senza ricorrere all’aiuto esterno, il valore attribuito all’obiettivo che induce a dedicare maggiore impegno e tempo e la competizione appartenente ad ognuno che spinge a fare di più e meglio.

Tramite questi tre fattori la motivazione nella gamification si pone a livelli molto alti. È possibile inoltre suddividere la motivazione in due tipologie. Esistono la motivazione estrinseca, data da ricompense, jackpot, guadagno o premi di vario genere che sono esterni all’individuo e la motivazione intrinseca al soggetto come la passione o l’interesse nei confronti del gambling o dei giochi in generale. Novomatic, azienda che si occupa dello sviluppo dei software di StarVegas, ha presentato recentemente a Londra diversi titoli che offrono al giocatore un’esperienza di gioco a 360°, giochi in cui i fattori che governano le motivazioni del giocatore si fondono in un gameplay strutturato sui…

Leggi di più

Ecco la guida al Reddito di Cittadinanza: come fare ad avere 780 euro al mese
Il nuovo reddito di cittadinanza giallo-verde sarà definito nei dettagli
“Reggio Calabria prima di tutto”, intervista con Massimo Ripepi (Fratelli d’Italia)
Daniela Gangemi Reggio Calabria prima di tutto. I temi nazionali
“Troppo amore uccide”, al via la rete del Sud antiviolenza
Si terrà lunedì prossimo 22 ottobre (alle 10), presso il

Appuntamenti e comunicati

Sabato 27 e domenica 28 ottobre, tornano a Brindisi Montagna le “Giornate medioevali alla corte di Guidone” per iniziativa della locale  Pro loco e dell’amministrazione comunale. Una manifestazione, quella brindisina che da ormai vent’anni è un appuntamento fisso dell’autunno lucano. All’ombra del castello simbolo del comune del potentino sfileranno nobildonne, cavalieri e menestrelli e rivivranno le antiche arti e mestieri dell’epoca medioevale. Il tutto accompagnato dal buon cibo servito nelle locande del “borgo” e dalle
/ Ott 23
E’ stato attivato a Vietri di Potenza lo “Sportello Informativo” del Laboratorio di Comunità “Lab.Proge.Pa. –Laboratorio di Progettazione Partecipata”, nella ex sede comunale in Piazza dell’Emigrante. Lo Sportello aperto il lunedì e il giovedì dalle ore 16 alle ore 20, ma disponibile, su prenotazione, in giorni ed orari diversi, intende rispondere ai bisogni sociali del Territorio, attraverso nuovi strumenti finalizzati a rinforzare le conoscenze sulle opportunità di occupabilità di giovani disoccupati e inoccupati e alla
/ Ott 23
Al via mercoledì 24 ottobre, alla Biblioteca Nazionale di Napoli, la rassegna Squilibri Incontri di lettura sul tema Frontiere: oltre 200 studenti delle scuole secondarie napoletane invaderanno il Salone di lettura per incontrare e dialogare con scrittori, giornalisti, attori, filosofi. Gli incontri coinvolgeranno anche un pubblico più adulto, di appassionati e di potenziali lettori.  Questa XII edizione, è dedicata ad Alessandro Leogrande, uno dei più interessanti protagonisti del nostro tempo, scrittore e giornalista d’inchiesta prematuramente scomparso un anno fa. Gli appuntamenti di oggi Il primo incontro del 24 ottobre
/ Ott 23
Maddalena Stornaiuolo ha appena 30 anni, è una giovane attrice dell’Area Nord di Napoli. È nata nelle Vele di Scampia, da lì, da quei palazzoni di cemento armato è partito il suo sogno nel mondo del teatro. Maddalena è il simbolo di una Scampia che non si arrende, è l’esempio che le donne di questo quartiere tanto raccontato sono capaci di grandi cose. Maddalena si laurea in Psicologia, Maddalena vince una borsa di studio col
/ Ott 23

Video e Gallerie

Una bomba davanti al negozio concorrente: le immagini choc dell’attentatore
La pista è occupata e l’aereo si salva in extremis: un video da brividi
Lo sapevate che i gatti possono essere anche liquidi? Ecco un video che vi sorprenderà
Le immagini choc delle fiamme in un appartamento di Catania
Il video di un probabile Ufo avvistato a Imperia da un uomo delle forze dell’ordine
La sposa arriva in ambulanza al Comune: il video delle polemiche
De Laurentiis presenta il suo Bari e promette: nessun conflitto con il Napoli
< >