Può uno smartphone, dotato di una comunissima fotocamera, cambiare radicalmente il modo di studiare?

Ebbene si. Si tratta di Highlighter, l’applicazione, napoletana di nascita, che  sta per sbarcare nel mondo dei dispositivi mobili e che  già si preannuncia un vero e proprio oggetto di culto.

Highlighter sarà disponibile a partire dal prossimo 23 maggio. Funziona in maniera semplicissima. Attraverso un’innovativa tecnologia che spazia nei campi ancora tutti da scoprire dell’ottica e della produzione di testo, Highlighter opera in un primo momento rilevando, attraverso fotocamera, qualsiasi testo evidenziato, sia cartaceo che digitale, per poi accorparlo, analizzarlo semanticamente e correggerlo in modo da crearne un riassunto di senso compiuto, eliminando dunque per intero il processo di ritrascrizione e permettendo di avere riassunti semanticamente coerenti già dal momento della sottolineatura. Highlitghter, perciò, dà vita alla versione 2.0 dell’intramontabile riassunto, croce e delizia di ogni studente.

Il progetto nasce e si sviluppa a Napoli, ad opera di Francesco Iacolare, Luca Liccardo e Francesco Spina, tre studenti di Economia della Federico II, che hanno avuto l’idea stando “sul campo”, confrontandosi personalmente con le problematiche legate ad alcuni metodi di studio e rispettando così la grande regola dei prodotti di successo, quelli sviluppati dal consumatore per il consumatore. Il progetto è stato realizzato da Eureka srls.

In attesa del lancio, è possibile seguire lo sviluppo del progetto e la campagna pubblicitaria grazie all’hashtag #highlighter su Facebook e Instagram e dalla pagina Facebook Highlighter.

Nata ad Avellino – vive e lavora a Napoli - Giornalista professionista – collabora con alcune testate on line- autrice di biografie - ideatrice e conduttrice di una trasmissione televisiva “Bellezza & Salute Magazine” in onda su un circuito di tv a livello nazionale e sui principali social