Il sindaco di Catania aggredito e schiaffeggiato, raffica di solidarietà. “Sto bene e andrò avanti”

enzo biancoIl sindaco di Catania Enzo Bianco è stato aggredito stamane nel centro della città da un uomo che lo ha colpito con un pugno in viso. E’ accaduto intorno alle 8.30 all’angolo tra via Vincenzo Giuffrida e via Gabriele D’Annunzio. E’ intervenuta la polizia e sono partite le indagini.

Il malessere sociale sicuramente non aiuta gli amministratori, c’è “il messaggio” della cattiva politica che in questi ultimi anni ha condizionato i cittadini e potrebbe trattarsi di un gesto dettato dalla disperazione. Ovviamente questo sarà stabilito dal risultato delle indagini.

Immediata la solidarietà espressa dal Presidente del Consiglio Comunale, Francesca Raciti, “ Occorre una risposta ferma da parte di tutte le Istituzioni. A nome anzitutto mio personale e dell’intero Consiglio Comunale esprimo vicinanza e solidarietà al sindaco Enzo Bianco, vittima stamani di una vile aggressione a Catania. L’episodio rappresenta una ferita per l’intera città, perché segue ad altri fatti di violenza già accaduti nelle scorse settimane e testimonia come sia necessario fare fronte comune contro il proliferare di atteggiamenti violenti in cui sta sfociando, in maniera ingiustificata, il disagio sociale di fette sempre più grandi di popolazione. In questo quadro chi, come il sindaco Bianco, si mette ogni giorno al servizio della proprio Città assumendo l’oneroso compito di amministrarla contemperando le necessità legate alla crisi economica e finanziaria e alla volontà di riscatto e di rilancio dell’intera città, finisce per essere maggiormente esposto. Occorre dunque una risposta ferma ed univoca dal mondo della politica, di tutte le istituzioni, della società civile organizzata e da ogni singolo cittadino, nella consapevolezza che, dalle stagioni difficili come quella da cui con impegno si sta cercando di tirare fuori la città di Catania, non si esce con gesti violenti, ma con vicinanza, capacità di ascolto e solidarietà reciproca tra amministratori e amministrati”.
Anche i Consiglieri Comunali Carmelo Nicotra, Sebastiano Arcidiacono e Giuseppe Catalano del “Partito Sicilia Democratica” del Comune di Catania condannano e disapprovano la vile aggressione subita dal Sindaco Enzo Bianco, al quale esprimono solidarietà e vicinanza.  – Bisogna che tutti si impegnino perché questi atti “da clima di odio” – dichiara il Capogruppo Carmelo Nicotra – non succedano più e Catania torni ad essere  una città civile nel pieno rispetto delle regole e delle istituzioni.

“Nel Paese siè creato un clima d’odio che ha finito con il generare episodi di violenza. I messaggi di solidarietà che continuano ad arrivare mi hanno dato una grande serenità e la consapevolezza che la nostra comunità è pronta a riflettere sugli errori fatti e a cambiare”

“Sto bene e andrò avanti serenamente, con la miaGiunta, sulla strada che i cittadini mi hanno indicato: quella della legalità e dello sviluppo, della rinascita di Catania”. Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Biancoaggredito stamattina con un pugno da un uomo che è stato poi portato in Questura.

“Nel Paese – ha detto Bianco – si registra un climad’odio, di sfiducia e di disfattismo che può generare episodi di violenza, spesso da parte delle menti più deboli. Catania non è immune da questo clima  Già da diversi anni denuncio la barbarie incui è stata fatta precipitare la città. Quando abbiamo cominciato a far rispettare le leggi le contrapposizioni sono state esasperate. Ma i tantissimi messaggi di solidarietà giunti dopo l’aggressione e che continuano ad arrivare anche da parte di semplici cittadini mi hanno dato la consapevolezza che la nostra comunità è pronta a riflettere sugli errori fatti e a cambiare. Io, dal canto mio, ho ripreso immediatamente a lavorare perché quest’episodio non può certo rallentare l’azione che stiamo svolgendo nell’interesse dei Catanesi. Da questo brutto episodio dobbiamo creare una svolta positiva, rilanciare il lavoro per una città più vivibile e più bella”.

Go to TOP