Musicista di strada multato per 5000 euro dalla polizia municipale a Sanremo perche’ senza autorizzazioni e perche’ vendeva suoi cd. L’intervento ha irritato il sindaco Alberto Biancheri. “Ho appreso della contravvenzione al musicista di strada. Ho chiamato il Comandante per avere spiegazioni e mi e’ stato detto che sono intervenuti dietro lamentele e segnalazioni. Ho spiegato che per me e’ assurdo un intervento di quel genere, senza un senso e totalmente sproporzionato. Ho chiesto di valutare bene la vicenda per poter archiviare d’ufficio la pratica. I problemi di Sanremo sono ben altri, non certo un suonatore di strada”, scrive Biancheri sul suo profilo Facebook. L’episodio e’ avvenuto ieri intorno alle 19, in via Matteotti, vicino al teatro Ariston. Il protagonista e’ il clarinettista Marco Fusi che vanta collaborazioni con Moni Ovadia, Ottavia Piccolo, Alex Britti, Fiorella Mannoia. Fusi l’anno scorso era stato multato perche’ suonava in strada a Bordighera, la sanzione era stata annullata.    A determinare ieri una multa cosi’ alta, tuttavia, non e’ stato il fatto che suonasse senza autorizzazioni, quanto la presenza di due cd nella custodia dello strumento, che hanno fatto scattare l’accusa di vendita di materiale audio senza autorizzazione. “Hanno commesso un abuso – ha detto Fusi – in quanto il regolamento prevede che si possa suonare per strada, previa comunicazione al Comune e io ho le carte in regola”. I cd? “Vi pare che sia commercio? Li tenevo come materiale promozionale, al pari dei biglietti da visita”.