Rapina stamattina alla filiale della Banca Popolare dell’Emilia Romagna a Palermo all’Uditore dove un uomo pare armato di pistola intorno alle 10 è entrato nella dipendenza minacciando chi era all’interno e riuscendo a portare via circa 2.000 euro. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, il malvivente si è introdotto nell’agenzia indossando un cappellino e una mascherina chirurgica. Si è avvicinato al bancone e ha estratto una pistola (non si sa se vera o giocattolo priva del classico tappo rosso) e ha minacciato un impiegato facendosi consegnare il contante che c’era in cassa.

La FABI di Palermo rilancia l’allarme sicurezza.

“Avevamo già diffuso i dati negativi sulla sicurezza in Banca in Sicilia – afferma Gabriele Urzì Segretario Provinciale e Responsabile Salute e Sicurezza della FABI di Palermo – sulla base del Rapporto Intersettoriale Criminalità Predatoria 2020 dell’Ossif (il centro di ricerca Abi sulla sicurezza anticrimine), che evidenziano un calo delle rapine a danno delle banche ma con forti distinguo “geografici”. I dati sono riferiti al 2019 e a livello nazionale evidenziano una diminuzione dell’87% (da 2.108 casi a 272) nell’arco dell’ultimo decennio, con un calo più significativo rispetto alla diminuzione degli sportelli che, nel periodo analizzato, è stato del 28%. Ma ci sono grosse differenze territoriali e la Sicilia è al secondo posto per numero di rapine (35) dopo la Lombardia (52) e, purtroppo, è al primo posto se si considera il livello di rischio con un valore di 2,8 rapine ogni 100 sportelli (rispetto al 2,3 del 2018). Dopo Milano (27 colpi) e Roma (17), troviamo al terzo posto proprio Palermo con 16 rapine (erano state 10 nel 2018) e al decimo Catania e Siracusa con 6. Palermo è al secondo posto anche osservando l’indice di rischio (rapine ogni 100 sportelli)”.

Occorre investire maggiormente in sicurezza – aggiunge Urzì – affiancando ai presidi tecnologici (videosorveglianza con telecamere ad alta definizione, cassetti blindati che impediscono il prelievo dei contanti – i cosiddetti “roller cash”) la guardiania armata che, in filiali particolarmente a rischio o per  logistica o per livello di business, è indispensabile. Non è un caso che alla BPER all’Uditore un mese fa circa è stata appunto tolta la guardiania armata e i malviventi ringraziano. Nella stessa zona il 26 aprile era stata rapinata una tabaccheria. E’ il caso che l’Azienda riveda gli apprestamenti di sicurezza sulla quale non si investe mai abbastanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *