Primavera capricciosa, da lunedì acquazzoni anche al Sud

maltempo

Il bel tempo ha le ore contate, nel weekend tornano piogge e temporali. “Colpa di una perturbazione atlantica piuttosto intensa che inizierà a interessarci da sabato e che aprirà a una fase più instabile e fresca per diversi giorni”, spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che prosegue: “La Primavera, dopo averci mostrato in anticipo il suo volto più placido, tornerà a farsi decisamente capricciosa. Il bel tempo prevarrà fino a venerdì, anche se inizierà a farsi vedere qualche occasionale pioggia o rovescio a ridosso dei rilievi e, in modo più incisivo, sulla Sardegna”. Sabato il tempo peggiorerà in modo più deciso al Nord e Toscana, con piogge e temporali in intensificazione entro sera, mentre domenica sarà maltempo diffuso al Centronord, sebbene in graduale attenuazione da Ovest. Sempre domenica tempo in graduale peggioramento anche al Sud, a partire da Campania e Sicilia. Le aree più colpite dal maltempo saranno “in primis Alpi, Prealpi, Liguria, Friuli Venezia Giulia e Toscana, dove si potranno avere piogge e temporali anche forti, con picchi di oltre 100mm – prosegue Ferrara – Ma in generale saranno penalizzate tutte le pianure a nord del Po”. Rovesci invece più disorganizzati e alternati a schiarite su bassa Valpadana e medio versante Adriatico. Domenica rischio fenomeni intensi pure tra Lazio e Campania, entro lunedì sul resto del Sud, con possibili grandinate e violente raffiche di vento.

Temperature in calo anche di 10°C e oltre, torna la neve sotto i 1000m sulle Alpi. “La perturbazione in arrivo sarà inoltre accompagnata da aria più fredda polare-marittima, in discesa dal Nord Europa, che farà crollare le temperature rispetto ai valori in alcuni casi quasi estivi di questi giorni – aggiunge l’esperto –  Entro domenica al Nord si perderanno fino a 10°C, ma anche di più sulle Alpi, 5-7°C al Centrosud se non oltre sui versanti tirrenici, sotto i colpi dapprima di forti venti di Ostro e Libeccio, poi di Ponente e Maestrale”. Il calo delle temperature favorirà il ritorno della neve sulle Alpi fin verso i 1200-1500m, ma a tratti anche sotto i 1000m sulle Alpi centro-occidentali; previsto fino a oltre mezzo metro di neve fresca al di sopra dei 1500m, anche un metro oltre i 2000m. “Acquazzoni e clima fresco anche nella prossima settimana – concludono da 3bmeteo.com – Una circolazione di bassa pressione si manterrà infatti attiva proprio sulla nostra Penisola, mantenendo il tempo instabile da Nord a Sud”. Ci attendono pertanto nuove piogge e temporali sparsi, sebbene alternati a maggiori schiarite, non solo sulle Alpi, ma anche sull’Appennino fin sotto i 1000m.

Go to TOP