Sicurezza digitale, lotta alla criminalità organizzata e tutela dell’ambiente: lungo queste tre direttrici si sviluppa il protocollo d’intesa tra la Confapi Napoli e l’Arma dei carabinieri firmato e presentato nell’aula Pessina dell’Università Federico II del capoluogo campano.

L’accordo tra l’associazione, che raggruppa le Pmi della provincia partenopea, e l’Arma punterà – attraverso corsi di formazione e informazione e un’attività di studio e ricerca congiunta – a migliorare la cultura imprenditoriale sulla tutela del patrimonio informativo aziendale, sulla gestione dei rifiuti e sulla prevenzione di infiltrazioni malavitose nell’economia legale. Temi approfonditi anche grazie al prezioso contributo dei Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Napoli. Security awareness e misure per ridurre i rischi dell’uso sconsiderato di internet, social network e home banking saranno al centro di un dibattito multilaterale, applicabile alle Pmi così come per il privato cittadino.

«La sicurezza digitale è oggi problematica di eccezionale rilevanza nel mondo delle Pmi», ha commentato il presidente di Confapi Napoli, Raffaele Marrone. «Insieme ai più qualificati rappresentanti dell’Arma dei carabinieri, appartenenti al Ros, ai comandi operativi e al comando per la tutela ambientale, aiuteremo gli imprenditori locali a far crescere la sicurezza nella propria azienda e a riconoscere gli indizi di attività a rischio connesse alla presenza della criminalità organizzata nell’economia legale».

Anche per l’assessore comunale alla Sicurezza ed ex questore, Antonio De Iesu, l’accordo siglato «è una iniziativa importante perché salda competenze e specificità» del pianeta produttivo e delle forze dell’ordine contro il fenomeno «delle infiltrazioni della criminalità nel tessuto industriale cittadino». «Le organizzazioni criminali sempre più si inseriscono tra le pieghe dell’economia legale e, col potere dei capitali sporchi, la infettano e ne distorcono le dinamiche».

Per Massimo Di Santis, presidente del gruppo Giovani Confapi, «per poter sviluppare il massimo del potenziale da questa sinergia, è necessario che le Pmi si rendano conto che le minacce digitali sono una spada di Damocle che pende sulla testa degli imprenditori. Peraltro, investire nella parte digitale in sicurezza e gestione dei sistemi di crisi aiuta a proteggere le nostre imprese e a farle crescere. Il tempismo, in questo contesto è tutto».

Infine, per Raffaele Cesaro, presidente del gruppo Ambiente di Confapi, invece, il protocollo d’intesa è un atto che segna l’avvio di un percorso di collaborazione che «vede protagonisti sia la parte istituzionale che quella privata» per la «condivisione di un percorso in cui si mettono a disposizione dati reciproci». «In questo momento di transizione ecologica, è fondamentale pertanto avere una base di partenza e di confronto rispetto alla quale programmare gli imponenti investimenti nel settore».

All’incontro di presentazione hanno inoltre presto parte il tenente colonnello Christian Angelillo (comandante del reparto operativo del comando provinciale dei carabinieri di Napoli), il tenente colonnello Giangabriele Affinito (comandante del nucleo informativo), e il maggiore Giuseppe Taraschi (comandante sezione indagini telematiche del nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *