parlamento-italiano
Politica interna
 
Senato – è fallito il tentativo di mediazione sulle riforme al Senato, infatti Sel ha respinto l’invito a ritirare gli emendamenti in cambio di un rinvio del voto. Quindi è stata bagarre in Aula e si è tornati a votare a oltranza a colpi di regolamento e di ostruzionismo. Il sottosegretario Luca Lotti ha affermato che sono a rischio le alleanze locali tra Pd e Sel, mentre il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha commentato: “Stiamo facendo le riforme perché la politica e i politici devono cambiare. Le sceneggiate di oggi dimostrano che alcuni senatori perdono tempo per paura di perdere la poltrona”.
 
Pa – è cambiata ancora la riforma della Pubblica amministrazione: per professori universitari e medici primari il pensionamento d’ufficio potrà scattare dopo i 68 anni. Inoltre è stato dato il via libera alla misura per il pensionamento di 4 mila docenti delle scuole che avevano maturato i requisiti per il ritiro, ma che erano rimasti bloccati dalla riforma Fornero.
 
Politica estera
 
Gaza – Stanno continuando senza sosta i raid israeliani su Gaza, che ieri hanno messo fuori uso l’unica centrale elettrica della Striscia. I bombardamenti sono stati tra i più pesanti dall’inizio dell’offensiva, che ha causato finora oltre 1.200 vittime palestinesi, per la maggior parte civili. Il bilancio dei soldati israeliani morti è salito invece a 53, oltre a tre civili. Nel frattempo il presidente dell’Olp Abu Mazen sta cercando di convincere Hamas ad accettare una tregua.
 
Russia – Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, dopo che Washington ha varato altre sanzioni contro Mosca per gli attacchi all’Ucraina, ha affermato che la Russia di Vladimir Putin sta continuando ad allontanarsi dalla comunità internazionale, cancellando gli effetti del processo di integrazione che si era sviluppato negli ultimi decenni.
 
Economia e Finanza
 
Alitalia – L’amministratore delegato di Etihad James Hogan ha inviato una lettera al numero uno di Alitalia Gabriele Del Torchio, in cui ha ricordato la validità del termine del 31 luglio per il via libera all’operazione e le incertezze che ancora rimangono sull’aumento di capitale e sui finanziamenti del sistema bancario. Intanto l’amministratore delegato di Poste italiane Francesco Caio ha acconsentito a investire 65 milioni di euro in sede di ricapitalizzazione.
 
Tasse – La Confcommercio ha rivisto al ribasso le stime sul Pil italiano, abbassandolo a +0,3% quest’anno, contro il +0,5% previsto in precedenza. Inoltre, mentre l’economia continua a ristagnare, la pressione fiscale effettiva in Italia è al 53,2% del Pil al netto della quota di economia sommersa, la più alta tra i Paesi dell’Ocse. Il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli ha sottolineato la necessità di tagliare le tasse per favorire la crescita.