E’ iniziata da Civitanova la cattura delle cosiddette vacche sacre della Ndrangheta. Una cinquantina tra poliziotti, carabinieri e finanzieri sono stati impegnati nella cattura dei bovini che da anni vagano liberamente per strada e campagne della Piana e della Locride distruggendo coltivazioni e provocando incidenti.

Un vero pericolo coperto a lungo dal silenzio degli stessi cittadini che, negli ultimi tempi, hanno deciso di dire basta e con il Movimento no Bull hanno sollecitato la prefettura Reggina finché creasse la task-force incaricata di catturare i circa 1200 bovini in libertà. La prima giornata di lavoro per le forze dell’ordine è stata segnata da l’ennesimo incidente stradale provocato proprio da un toro