“Il Sud puo’ essere decisivo. Mi auguro che gli elettori di questa parte d’Italia siano consapevoli che l’unico voto utile per far ripartire il Mezzogiorno e l’intero Paese e’ il voto al centrodestra”. E’ l’ultimo appello prima del voto del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervistato dal Messaggero, in apertura, e dal Corriere della Sera.

“Tajani – afferma al Messaggero – mi ha portato un regalo, ossia il programma che prevede un fondo finanziato dalla Bei, dalla Cassa Depositi e Prestiti e fondi strutturali per le infrastrutture, mirato per il sud. Prevede tra i 20 e i 30 miliardi entro il 2020, per avviare 250 miliardi di cantieri. Tutto cio’ puo’ produrre 500mila posti di lavoro”. Al Corriere della Sera spiega perche’ la sua scelta sia caduta su Antonio Tajani. Puo’ convincere una fetta di indecisi a votarvi? “Me lo auguro”, risponde Berlusconi, ma “lo abbiamo scelto per la sua statura internazionale”: “Credo che molti indecisi rifletteranno sul fatto che un premier come Tajani, autorevole, e’ nell’interesse del Paese”. Di fronte a uno scenario politico confuso teme speculazioni contro l’Italia?

“Il rischio c’e’, e appunto per questo faccio appello agli elettori, perche’ si rendano conto che l’unico voto utile oggi e’ quello per noi. Siamo l’unica coalizione in grado di arrivare al 40% e governare stabilmente per 5 anni. Non votare per noi significa votare per la paralisi, lo stallo, il rapido ritorno alle urne. Parafrasando Nenni, ‘o Forza Italia o il caos'”, conclude.