Letteratura, cinema, musica e teatro per raccontare le mafie e la corruzione

Al Suor Orsola al via la quarta edizione della rassegna di incontri ideata dal Centro di Ricerca ReS Incorrupta

La letteratura, la musica, il cinema e il teatro per studiare all’Università in maniera diversa i fenomeni criminali italiani ed in particolare i sistemi mafiosi e la corruzione dilagante. È l’idea con cui nel 2016 è nata all’Università Suor Orsola Benincasa la rassegna multidisciplinare di incontri su mafie e corruzione ideata e organizzata dal Centro di Ricerca ReS Incorrupta con il coordinamento scientifico di Isaia Sales, docente di Storia delle Mafie al Suor Orsola.

“In questi anni – spiega Isaia Sales – si è rivelato molto efficace avvicinare gli studenti e i giovani in generale (vista l’apertura della rassegna a tutti) alla comprensione dei fenomeni criminali utilizzando la lettura di romanzi, la visione di film, la rappresentazione di testi teatrali, e l’ascolto di musica. Utilizzando mezzi e linguaggi di comunicazione vicini ai giovani se ne alza la soglia di attenzione e nei nostri studenti si è sviluppata spesso una tale passione su questi temi fondamentali per il nostro Paese che ne sono nati molti lavori di ricerca e di tesi di laurea di grande interesse”.

Dopo alcune anteprime il nuovo ciclo di incontri di “Letteratura, cinema musica e mafie”, che accompagnerà le attività didattiche dell’anno accademico 2019-20, prenderà il via venerdì 29 Novembre alle ore 16 nella Sala degli Angeli dell’Università Suor Orsola Benincasa con la presentazione del volume di Isaia Sales e Simona Melorio “Storia dell’Italia corrotta” (Rubbettino Editore).

 

Come mai la corruzione ha così lunga vita nella storia del nostro Paese? Come mai resiste ad ogni epoca e ad ogni regime politico? Come mai in questo campo non si riesce a trovare niente di veramente dissuasivo, niente che provi ad estirparla nel costume, nel comportamento, nell’atteggiamento degli attori coinvolti?” Sono alcuni degli interrogativi a cui provano a rispondere lo storico Isaia Sales e la criminologa Simona Melorio nel loro volume. Interrogativi che al Suor Orsola saranno oggetto della discussione sul libro alla quale prenderanno parte, tra gli altri, il filosofo del diritto Vincenzo Omaggio e il magistrato Raffaele Cantone, già presidente dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione e fondatore al Suor Orsola del primo insegnamento universitario italiano specificamente dedicato alla Legislazione antimafia.

Dopo l’appuntamento inaugurale la quarta edizione della rassegna di “Letteratura, cinema musica e mafie” sarà strutturata quest’anno con cadenza settimanale: ogni martedì alle 16 al Suor Orsola fino al 17 Marzo: programma completo su www.unisob.na.it/eventi con alcuni appuntamenti speciali al venerdì. Tra i protagonisti della rassegna quest’anno ci saranno lo scrittore Lorenzo Marone, il regista cinematografico Francesco Patierno, il rapper Lucariello, il filosofo Gennaro Carillo e il regista teatrale Giovanni Meola.

La rassegna un libro al mese e il lavoro scientifico multidisciplinare del Centro di Ricerca Res Incorrupta

Al Suor Orsola il Centro di Ricerca ReS Incorrupta si occupa di ricerche e studi sulle mafie e la corruzione con l’obiettivo di disvelare le radici storiche, il sostrato culturale, le dinamiche sociologiche e politiche, le ragioni giuridiche e gli equilibri economici che sono sottesi ai fenomeni corruttivi e criminali. A tal fine, il Centro mette in opera metodologie, indagini, integrazioni e intersezioni tematiche tra diversi saperi, in collaborazione con altre istituzioni ed in collegamento con atenei e centri di ricerca nazionali ed internazionali, anche allo scopo di elaborare appositi percorsi di alta formazione. Proprio con questo obiettivo di integrazione dei saperi al servizio della ricerca su mafie e corruzione è nata la rassegna di incontri “Un libro al mese” che unisce le attività didattiche dei tre diversi Dipartimenti del Suor Orsola (Scienze giuridiche, Scienze umanistiche e Scienze formative, psicologiche e della comunicazione) nel tentativo di analizzare la produzione culturale sui temi criminali sotto diverse angolazioni ed a beneficio di diversi interventi professionali dall’ambito psicologico a quello criminologico, dall’ambito educativo a quello giurisdizionale.

Programma completo degli incontri su www.unisob.na.it/eventi

Share this post