Le rivelazioni di Saviano: costretto a prendere psicofarmaci, mi stanno rovinando la vita

Ecco uno stralcio dell’intervista a Roberto Saviano pubblicata sul Pays in occasione dell’uscita in Spagna del suo ultimo libro Zero Zero Zero

Il sogno di qualsiasi giovane giornalista coincide con il profilo di Roberto Saviano : un look pulito, buon fiuto per le storie, simpatia, capacità di affrontare le fonti, il coraggio di entrare nella tana del leone. Tutto questo può convertire qualsiasi reportage in buona letteratura. Se, in aggiunta a 26 anni si scrive un libro come Gomorra, che ha già venduto più di 10 milioni di copie in tutto il mondo, il sogno sembra ancora più vero. Ora il nuovo lavoro, Zero Zero Zero, sarò pubblicato in Spagna la prossima settimana: un viaggio di circa 500 pagine nel business della cocaina. “Dedico questo libro a tutta la mia scorta della polizia. Abbiamo trascorso 38000 ore insieme. E ne dobbiamo ancora trascorrere…”

Questa conversazione con Roberto Saviano ha avuto luogo nel seminterrato di un albergo a Roma. Naturalmente, sotto l’occhio vigile delle sue guardie del corpo. 

Domanda. “Dopo che la camorra l’ha condannato a morte, costringendola a seppellirsi vivo, perché ne ha continuato a  scrivere? 

Risposta. Vorrei rispondere alla domanda con una dichiarazione eroica come: perchè credo nella verità, perché non sono riusciti a spaventarmi, ma mi sentirei un po ‘ridicolo, perché dentro di me non è la verità. O meglio, perché la vera risposta è che io sono ossessionato. Sono ossessionato perché una volta mi sono trovato faccia a faccia con la storia della mafia e non poteva, anche fisicamente, resistere a seguirla. Sapevo che la mia vita sarebbe peggiorata. Non solo per le minacce, ma anche perché la maggior parte delle persone menzionate nel libro mi hanno fatto causa per diffamazione . Ma è più forte di me. Si tratta di una sorta di dipendenza. Una mania. Non è il pensiero puro: è giusto lottare per la verità. Perché io sono assolutamente convinto …

D. Cosa c’era di sbagliato? 

R. Io non credo che sia nobile aver distrutto la mia vita e la vita delle persone intorno a me per cercare la verità. Da lontano può sembrare nobile. Ma forse avrei potuto fare lo stesso, con lo stesso impegno, lo stesso coraggio, ma con prudenza, senza distruggere tutto. Ma sono stato impetuoso, ambizioso, e ho rovinato la mia vita. 

D.Fino a quel punto? 

R. Tenete a mente che non posso vivere la mia vita senza chiedere un’autorizzazione. Non posso andare o uscire con le persone che amo, senza doversi nascondere in modo da non subire ritorsioni. A volte mi chiedo se finirà in un ospedale psichiatrico. Scherzi a parte, io ora ho bisogno di psicofarmaci per andare avanti. Non devo abusare di loro, ma di tanto in tanto ho bisogno. E questa cosa non mi piace. Quindi speriamo che questo finirà un giorno. 

P. Vale la pena pagare un prezzo così alto?

 R. No. E so che quando dico questo qualcuno potrebbe pensare che sono un codardo. Se si antepone una verità oggettiva, la denuncia, qualsiasi altra cosa nella tua vita, sei diventato un mostro. Un mostro. Tutte le vostre relazioni professionali e personali sono concentrate su una sola cosa: come ottenere la verità. Forse alla fine è nobile, cosa generoso, ma la tua vita non diventa generosa. Le relazioni diventano terribili.

 

 

Vai a TOP