Le memorie del cappellano militare: “L’esercito borbonico spazzato via dai tradimenti di alcuni capi militari”

“Io racconterò fatti incredibili, ma veri. Ora cominciano le diserzioni dei soldati e degli uffiziali, la viltà e le inesplicabili ritirate de’ Generali, ove non si vogliano chiamare vergognosissimi tradimenti. Un’anima nobile e dignitosa rifugge da queste rimembranze: è troppo tristo ricordare come una prode armata di circa 100,000 uomini fosse stata distrutta non già dal nemico, ma da varii dei capi stessi, i quali disonorarono il proprio paese, e quella divisa gallonata, che con tanta burbanza indossavano.

La striscia di sangue che bagnò la via da Boccadifalco a Gaeta sgorgò solamente dalle vene de’ soldati, i figli del popolo, e dell’ufficialità subalterna e se non fosse stato per questi, l’onor militare del disgraziato Regno di Napoli sarebbe rotolato nel fango. Gli scrittori garibaldini descrissero pugne omeriche; ma la storia imparziale dirà, che le bande garibaldine sarebbero valse meno delle bande siciliane, se non fosse stata l’ignavia, la viltà, e il tradimento di alcuni duci napoletani”.

Giuseppe Buttà, cappellano militare dell’esercito borbonico, che ha seguito in prima persona le vicende dell’ultima fase del Regno di Napoli

Go to TOP