“L’anno del Dragone”, un uomo da Napoli alla conquista della Cina

Mario Volpe, l’anno del dragone

Un territorio vastissimo, brulicante di lavoratori a basso costo pronti alla conquista dell’Europa e del mondo. Questo è lo stereotipo di una Cina che i luoghi comuni ci hanno voluto far credere e conoscere. Mario Volpe, scrittore e poeta Napoletano sa bene che la realtà e ben diversa, una realtà di trenta anni di viaggi in quelle terre lontane che ha voluto raccontarci concentrandola nel suo ultimo libro “L’anno del Dragone” edito da Oxiana Edizioni Srl. Il libro ha immediatamente suscitato un notevole interesse, non solo per l’argomento trattato, ma anche per la storia di base raccontata sullo sfondo di un grande paese in via di sviluppo. Chiacchierando con l’autore abbiamo appreso tanti piccoli particolari inediti sulla vita degli operatori del commercio, degli imprenditori italiani che intrattengono rapporti con la Cina, ma abbiamo anche conosciuto la figura del protagonista di quest’opera definita romanzo, ma che in realtà forse un vero e proprio romanzo non lo è. Di sicuro è un lavoro ironico e commovente, leggendo il libro di Mario Volpe è come essere seduti in sua compagnia ed ascoltare le sue storie che si districano tra paesaggi, città, alberghi di lusso, situazioni comiche e tragiche che riflettono la vita di una famiglia, il rapporto tra padre e figlio, e l’esistenza di un uomo pur gravemente malato che ha viaggiato senza meta tra i paesi dell’oriente alla ricerca di nuovi mercati e di nuove opportunità. Mario ha voluto condividere con il lettore questi avvenimenti, queste storie che illuminate dalla luce della riflessione riescono ad aprire un mondo le cui usanze e tradizioni sembrano ancora sconosciute. Un mondo non solo fatto di Cina, ma arricchito da altri paesi nei quali l’autore ha viaggiato in compagnia di suo padre fino all’ultimo giorno della sua scomparsa per un triste ed impietoso male che nemmeno un trapianto epatico è riuscito a debellare.

“L’anno del Dragone” è un opera che merita la dovuta attenzione, non solo per le atmosfere esotiche che descrive, ma per la testimonianza riportata da uno stile letterario chiaro non banale  che ruota sull’attività di quei tanti napoletani i cui sforzi restano nell’ombra di una città da troppo tempo mortificata e che l’autore ha voluto riportare con prepotenza alla luce attribuendole il suo giusto valore.

 

Vai a TOP