La poesia di Mario Longobardi. “ Core ‘e cane”

Un caro saluto agli amici amanti della poesia, siamo giunti al terzo appuntamento, dalla mia raccolta “Penziere d’ammore”, questa volta Vi sottopongo una poesia a me molto cara, dal titolo “ Core ‘e cane”,  dove il sentimento dell’amore vive la sua totale devozione verso la persona amata, spero sia di vostro gradimento e vi auguro un fine settimana pieno d’amore.

 Mario Longobardi

Core ‘e cane

Comm’  a cane

è ‘o core ‘nnammurate,

comm’  a cane

sent’ addore da patrona,

comm’  a cane  s’è accorte

ca’ quaccosa s’era storta,

pecchè ‘o core…

è comm’  a cane

comm’  a cane  ‘nnammurate.

Tu ‘o maltratte?…

Ma isse è comm’ a cane

nun  llè ‘mporta,

s’accucciuleja cchiù sotte.

Ll’abbaste ‘na carezza,

chella ca’ pe’ te

è ‘na semplice sciucchezza…

e subbeto se scorde

‘e tutt’ ’e ‘nfamità

ca’ tu lle fatte.

È  strane?

No… isse è comm’ a cane,

comm’ a cane ‘nnammurate,

tu t’avvicine …

e isse allecca ‘a mano co’ maltratte.

Cu’ disprezzo mme chiammate

core ‘e cane…

ma a me nun me ne ‘mporta,

pecchè so’ comm’ a cane…

comm’ a cane ‘nnammurate.

Go to TOP