‘A festa. Buon sabato a tutti voi, niente di meglio che iniziare il nuovo anno con una festa, la festa dell’amore, l’amore eterno che valica i confini della vita terrena. Tratta dalla raccolta “Suspire d’ammore”. Questo è il mio augurio per il nuovo anno, con la speranza che sia questa la nuova pandemia mondiale, una pandemia di amore puro.

Mario Longobardi

‘A festa

Cu’ ‘na voglia ‘e ammore bello,
m’annammuraje ‘e tte
faccell’ ‘e sante,
‘o juorne ca’ ll’ammore
bussaje ‘mpiette a mme.

Fuje ‘na cosa all’ improvviso
tuppi tu… tuppi tu…
‘a porta s’arapette
e je vediette a tte,
co’ cchiù belle de surrise
tu guardaste a mme.

Tuone, fulmine e saette
s’appicciaje ‘o core ‘mpiette
russe ‘e fuoco addeventaje
e ll’ammore mme pigliaje,
mme parive ‘na madonna
ch’era scesa ‘a paravise
e ‘nfucata da passione
mme rialaste ‘o primme vase.

Cante, suone e tricchi tracche
dint’ ‘o core fuje ‘na festa
tale e quale Piedigrotta.

Furtunate songhe state
tutt’ ‘a vita ‘nnammurato
chesta festa mme durata
‘mbracce a tte,
fin’ allurdemo suspire
primm’ ‘e chillu velo niro
ca’ ogni cosa mett’ ‘o scuro,
ma nun sacce ch’ è succieso
e nemmeno comm’ è stato,
pure mo’ ca’ stongh’ accà
je cuntinue a festeggià.

Leave a Reply

  • (not be published)