Innovare per “fare breccia” nel cuore dei risparmiatori: il modello Moneyfarm

Non è facile la vita dei consulenti finanziari in Italia, alle prese con l’importante coltre di sfiducia di chi deve investire una parte dei propri introiti per puntare ad un profitto quanto meno interessante. A causa della difficile situazione finanziaria, dei numerosi fatti di cronaca e di una mancanza di cultura e formazione, gli italiani investono meno che nel resto d’Europa, anche se i dati sono in crescita.

Per rompere questa coltre di scarsa fiducia, i protagonisti del settore non possono far altro che assecondare i bisogni di chi affida loro i propri risparmi. Da questa prospettiva parte Moneyfarm, consulente finanziario indipendente italo-britannico, che per il terzo anno consecutivo è riuscito meglio di tutti a soddisfare i propri clienti. La conferma arriva dal Sigillo d’oro, emesso dall’Istituto Tedesco Qualità e Finanza, che ha premiato con uno dei riconoscimenti più prestigiosi gli sforzi di Moneyfarm in termini di sicurezza, trasparenza e innovazione tecnologica.

L’attenta analisi effettuata dall’ente teutonico rende questo premio ancor più importante, e tranquillizza indirettamente gli investitori, che accedono così in maniera implicita alle valutazioni degli altri utenti sull’operato di Moneyfarm.

L’ente da anni mette sotto la propria lente d’ingrandimento tutti i prodotti economici presenti sul mercato, sia valutando l’incidenza dell’innovazione tecnologica che accogliendo pareri e obiezioni dei clienti. I giudizi degli stessi hanno riguardato 675 aziende suddivise in 89 settori dell’economia del panorama nazionale. A competere per il premio dei Consulenti Finanziari Indipendenti italiani erano 11 realtà, ma di queste solo quattro hanno soddisfatto i criteri per la medaglia d’oro, che corrisponde ad un servizio superiore alle medie di mercato: in tal senso, il punteggio di Moneyfarm è il primo del settore con il 63,2%. Il terzo riconoscimento consecutivo per l’azienda italo-britannico non arriva però per caso: nell’ultimo anno Moneyfarm ha infatti ha investito cospicuamente sulla user experience: le applicazioni per IoS e Android, l’introduzione del chat-bot Ernest, l’allargamento della squadra di consulenti e il lancio della Gestione Patrimoniale sono solo alcune delle novità introdotte sul mercato italiano, con l’intento di garantire la maggiore trasparenza possibile e una sicurezza dell’investimento strettamente legato al concetto di rischio e alla percezione dello stesso da parte dell’utente.

Il titolo di miglior consulente finanziario indipendente assegnato a Moneyfarm arriva anche per merito di un servizio di consulenza sugli investimenti completamente personalizzato sulle esigenze del cliente, che è in grado di assecondarne i bisogni dalla fase di valutazione del rischio fino alla composizione e ottimizzazione del portafoglio. Soddisfatto il co-fondatore dell’azienda, Paolo Galvani: “Il miglioramento dei risultati ottenuti nel 2016, già in crescita del 13% rispetto alla stagione precedente, premia i nostri sforzi per migliorare continuamente la nostra offerta. Si tratta per noi di un premio speciale, perché assegnato direttamente dai consumatori. Raggiungere questo titolo per tre anni di seguito conferma che la nostra Gestione sta diventando sempre più indispensabile e apprezzata”. Si chiude così nel migliore dei modi il 2017 di Moneyfarm, che aveva già ricevuto il premio di Ascosim per l’innovazione nell’Asset Management, quello della Borsa Italiana e del Dipartimento per il Trade Internazionale (DIT) per il successo ottenuto fuori dall’Italia, nonché quello ottenuto dai fondatori dell’azienda italo-britannica, Paolo Galvani e Giovanni Daprà, che sono riusciti nel giro di breve tempo ad internazionalizzare la propria idea imprenditoriale.

Vai a TOP