Il secolo passato è stato un grandissimo scorrere di eventi che hanno delineato il mondo attuale. Accadimenti oggi più che mai vivi nella memoria di molti. Tuttavia innegabile che quel periodo sia stato l’inizio di una serie di cambiamenti epocali. Sarebbe opportuno comunque soffermarci a fare alcune riflessioni. Nel futuro prossimo i rapporti umani devono essere un elemento fondamentale su cui basare definitivamente la società, non meno del rispetto incondizionato nei confronti della natura. Questa dovrebbe essere vista come una mamma che nutre e protegge i suoi figli, quindi al pari di un genitore trattata con amore e rispetto. A scuola potrebbe divenire utile introdurre un’ora dedicata alla consapevolezza. Io appartengo alla generazione dei ragazzi che giocavano davanti casa a pallone e nascondino. Ci si organizzava per rendere quelle ore belle tra un racconto a fine sera e una merenda fatta in casa. Anche questa è sostenibilità; stare insieme con semplicità. Nell’ora di cui facevo menzione sopra, direzionare l’individuo sin da piccolo alla bellezza del creato. Passare più tempo all’aria aperta, amare anche la più piccola creatura esistente. Il periodo trascorso ci ha insegnato che grazie all’essere umano e alla gentilezza possiamo erigere un domani migliore. L’importanza d’interagire con il prossimo è fondamentale nel cammino della vita, lasciatemi dire un equazione con risultati sempre differenti e sorprendenti. Ognuno di noi è un sofisticato mondo di conoscenze ed esperienze quindi proprio come in un elaboratissimo sistema di calcolo anche la minima azione può modificare la vita altrui. Siamo l’incognita di coloro che camminano accanto a noi. I gesti compiuti con benevolenza che dunque fanno la differenza devono essere il fattore della rinascita per una nuova era, siamo parte di un grandissimo sistema dove tutto è connesso. Non è meraviglioso sapere che abbiamo delle persone su cui contare? Vi è mai capitato di pensare che avere prati, alberi e piante in maggiore abbondanza possa renderci più felici? Magari migliorare anche i rapporti interpersonali? Quindi tecnologia sia, ma per unire, umanizzare, organizzare piani per la sostenibilità che partano finanche dai quartieri fino ad arrivare oltre visto che ora le distanze non esistono più. Inoltre di fondamentale importanza sconfiggere definitivamente il razzismo unitamente a ogni forma di violenza e discriminazione.   

Vincenzo Naturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *