Iene choc, il regista Fausto Brizzi accusato di molestie

I volti sono oscurati, le voci camuffate, ma l’accusa e’ chiara: ”Il regista e’ Fausto Brizzi”. Dieci delle testimonianze raccolte dalle Iene nell’inchiesta su violenze e abusi nel mondo del cinema italiano chiamano in causa il cineasta romano, che ieri era uscito allo scoperto per difendersi dai sospetti, sostenendo di non aver ”mai avuto rapporti non consenzienti”. Una presa di posizione che Brizzi ribadisce anche oggi in tarda serata, in una dichiarazione diffusa dal suo legale Antonio Marino, dopo la puntata del programma di Italia 1 che ha rimesso in fila in una sequenza scioccante le denunce, facendo per la prima volta il nome del regista. E l’autore dell’inchiesta, Dino Giarrusso, spiega che ”delle decine di mail” arrivate poi in redazione da altre attrici pronte a vuotare il sacco, ”una gran parte riguarda ancora una volta Brizzi”. ”Non vogliamo accanirci su uno solo, non avrebbe senso, i personaggi coinvolti sono molti piu’ di uno – premette Giarrusso – . Lui ha subito replicato, noi vogliamo credergli, ma il racconto di dieci attrici, che pure non si conoscono fra di loro, si somiglia in maniera impressionante”. Le uniche due persone intervistate dalle Iene che non hanno chiesto la riservatezza sono Clarissa Marchese, Miss Italia 2014, e la modella Alessandra Giulia Bassi. Le altre compaiono con i volti oscurati e i loro nomi non vengono resi noti. Nelle testimonianze, la descrizione dello ”studio adibito a casa” dove le ragazze venivano invitate per i provini, i primi approcci, i tentativi di ”fare i massaggi”, le insistenze, ”il contatto fisico sempre maggiore” e poi ”i modi sempre piu’ aggressivi”. Secondo alcuni racconti, il regista ”si e’ spogliato completamente nudo” e ha tentato approcci sempre piu’ pesanti.

Vai a TOP