I Simpson nella Terra dei Fuochi, gemellaggio con Springfield


È di qualche ora fa la notizia che Springfield, la città americana in cui vive la famiglia Simpson, sarà gemellata con la “Terra dei Fuochi”, l’area tra le province di Napoli e Caserta, caratterizzata dalla presenza di roghi tossici di rifiuti. “Siamo fieri del nostro rogo di pneumatici che va avanti dal 1966, e la Terra dei Fuochi ci sembra perciò all’altezza di un gemellaggio con noi” – ha detto il Sindaco Joe Quimby, intervistato durante una pausa nei lavori di un workshop municipale con Tony Ciccione e colleghi mafiosi. L’orgoglio dei cittadini è palpabile. “Davvero pensate che signora Nahasapeemapetilon – ha dichiarato in uno stato visibilmente alterato un uomo del luogo, Apu del Jet Market – ha avuto fenomenale parto di miei otto splendidi miracoli a causa di ormoni? Macché! È stato meraviglioso rogo di pneumatici con suoi fumi mefitici, e centrale nucleare che sempre inquina nostre acque americane trasformandole come acque di Gange, per Visnù!”.

Il proprietario della centrale nucleare, Montgomery Burns, proprio la scorsa settimana è stato al centro di una contestazione per un suo presunto tentativo di spegnere il rogo permanente di pneumatici di Springfield. “È stato un equivoco – ci ha tenuto a spiegare il plutocrate – io volevo alimentare quella mirabile pira, gettandoci sopra scorie nucleari che l’avrebbero resa visibile anche da Plutone. Il gemellaggio con la Terra dei Fuochi mi sembra eccellente e presto invierò un dono: un piccolo fusto metallico dai colori cittadini, segno della mia ammirazione, a tutti i comuni di Qualiano, Orta di Atella, Caivano, Acerra, Nola, Marcianise, Succivo, Frattaminore, Frattamaggiore, Mondragone, Castelvolturno, Giugliano in Campania e Melito di Napoli. E non sarà davvero il caso di insospettirsi se dovesse gocciolare un liquido un tantinello fluorescente, eheheh”.

Lisa Simpson, ottenne moralizzatrice del luogo, si è detta però come al solito scontenta e pessimista, “soprattutto perché la camorra continua a bruciare indiscriminatamente nella Terra dei Fuochi i rifiuti tossici che provengono dal Nord: i cd di Mariano Apicella vanno smaltiti correttamente!” ha ammonito la piccola.

Fabrizio Borgosano
Blog di aggiornamento sugli artisti e sul mondo di Coral Riff. Musica, arte, cultura, satira per gli addetti ai lavori e gli appassionati.

Go to TOP