Emergenza rifiuti anche in Calabria, il giorno della protesta

Parlamentari M5S a Catanzaro per partecipare a “Il giorno del rifiuto” per sostenere gli attivisti locali che denunciano il grave pericolo rifiuti in Calabria, destinato ad aumentare. C’e’ il vicepresidente alla Camera, Luigi Di Maio, c’e’ il presidente del gruppo M5S alla Camera, Riccardo Nuti: la discarica di Pianopoli (Cz) e’ chiusa e ieri a una delegazione di parlamentari M5S, riunita dal deputato calabrese Paolo Parentela, e’ stato impedito l’accesso alla discarica. “Sarebbe servito a informare il governo delle reali condizioni del sito”, ha precisato stamani Parentela.

“Nelle prossime ore potrebbe avvenire lo scoppio di vere bombe ecologiche”, ha detto oggi la deputata Dalila Nesci, capofila dei Cinque Stelle che hanno firmato il lungo atto-dossier sui rifiuti in Calabria – indirizzato in primo luogo al presidente del Consiglio Enrico Letta – in cui si chiede dove siano finiti i soldi dell’emergenza ambientale. “Cifre da capogiro, oltre un miliardo di euro – ha riferito Nesci – con cui non e’ stato risolto nulla, con l’aggravante che ai calabresi il governo impone l’ennesima mazzata, la Tares, nonostante che il problema rifiuti sia arrivato a livelli estremi, con sperperi e impunita’ vergognosi”.

Go to TOP