Eccellenze Made in Sud, viaggio nella Samaflex: l’officina del riposo

Eccellenze Made in Sud, viaggio nella Samaflex: l’officina del riposo

A Taranto, la Samaflex, l’officina del riposo, ha aperto le porte dell’azienda di via Umbria 88  per un interessante appuntamento didattico con l’antico mestiere del materassaio. Domenica 20 gennaio abbiamo scoperto come si realizza un materasso artigianale.

L’ortopedico, l’osteopata, il neurochirurgo, il fisiatra, il fisioterapista consigliano il materasso sostenuto mentre le televendite ostinatamente pubblicizzano materassi morbidi.

Samaflex è nata nel 1978, quarantanni fa, da Antonio Mazzei e sua moglie. Col tempo c’è stato l’inserimento dei figli, Marco il più grande ed Andrea il più piccolo. L’azienda ha una vocazione fortemente artigianale e ci tengono molto a creare il migliore prodotto per la richiesta del cliente.

“Se dormi male hai colpi di sonno – hanno riferito – se dormi bene magari hai colpi di genio. Dormire bene è importante, per questo se durante la notte ci si sveglia o ci si alza la mattina con qualche dolorino di schiena, sono segnali che il sonno non sta dando i suoi frutti o peggio ancora sta danneggiando la nostra salute. Spesso il problema è proprio il materasso o in generale l’intero sistema di riposo. Per questo Samaflex produce materassi, reti e cuscini su misura, personalizzati, come abiti da sartoria. Quando vendiamo un materasso noi ci assumiamo la responsabilità della salute, per i prossimi 10-15 anni del nostro cliente. Che si tratti di un materasso a molle, in memory, in lattice o in lana, noi utilizziamo solo materiali di primissima scelta e di provenienza italiana.”

Assemblano i materiali con tecnologie tradizionali e con la cura che solo un artigiano può dare.

“Siamo professionisti del dormire sano e non ci limitiamo a produrre e vendere, ci occupiamo della igienizzazione di materassi, divani, cardatura della lana, lavaggio dei cuscini….insomma ci teniamo al fatto che il materasso  possa essere conservato a lungo termine e garantire al meglio il sonno del nostro cliente – ha riferito Marco Mazzei – si potrebbe pensare che un lavoro artigianale come il nostro comporti prezzi elevati, non è assolutamente così perché grazie alla filiera corta cioè da noi produttori a voi clienti diretti, il passo è breve e quindi i prezzi sono assolutamente concorrenziali. Un cliente soddisfatto è per noi una grande ricompensa, ci definiamo ‘artigiani dei sogni’. Il vostro riposo è il nostro lavoro”.

È nel 1992 che l’attuale titolare dell’azienda, Antonio Mazzei, decide di affiancare, ai tradizionali materassi in lana, la produzione artigianale dei materassi a molle, riutilizzando su richiesta la lana del cliente, che viene a risparmiare. L’obiettivo è quello di offrire una lavorazione accurata, puntuale e personalizzata, oltre a soddisfare la clientela, fornendo consigli e assistenza.

Oggi Samaflex, fabbrica materassi artigianali, ed è in grado di offrire e di realizzare: materassi (lana, lattice, memory, molle indipendenti) ma anche reti (di legno, manuali, metalliche, motorizzate, ortopediche) cuscini (fibra, lattice, lattice anatomico top class, memory, ortocervicale in memory), coprirete, coprimaterasso, cerate, collarini e cuscini da viaggio.

Durante l’open day si è realizzato un materasso ortopedico che ha richiesto la cardatura della lana.

“Questa è lana fornita da un cliente di Catanzaro che ci ha mandato cinque materassi di lana per realizzare una decina di materassi a molle, in questo caso utilizziamo la lana fornita dal cliente, se non ne ha la procuriamo noi, lana già trattata, lavorata, pronta all’uso. Il materasso che realizzeremo questa mattina è già venduto e dopo la cardatura proseguiremo con le altre fasi della lavorazione” – aveva riferito Marco.

Il maestro Andrea ha tagliato la stoffa, il tessuto, due fasce perimetrali, ma tutti e tre, padre e figli si sono alternati nelle varie fasi di fabbricazione.

Hanno spiegato che ‘ortopedico’ è un brevetto depositato nel 1958 che richiede un determinato modo di fare il materasso necessariamente con le molle. Quello fatto presentava 8 bicchieri di molle tenute insieme da una spirale d’acciaio con degli inserti di poliuretano che vanno a supportare la parte laterale, perché quando ci si siede la mattina il materasso è sottoposto a maggiore pressione lateralmente.

Sopra  l’ossatura  è stato riposto il feltro che isola le molle da tutte quelle che sono le ulteriori imbottiture sovrastanti. Quindi si è andato a cucirlo sopra il molleggio, per poi porre il poliuretano.

“Dovete sapere che nelle grosse aziende la lavorazione è la stessa, da noi è fatta artigianalmente, mentre lì viene fatta dalle macchine perché è produzione industriale, quindi personale ce n’è di meno, sono le macchine che lavorano e se in qualche punto non si è ben chiuso noi lo possiamo verificare, le macchine no perché vanno avanti in serie, quindi da noi c’è controllo qualità in tempo reale” – ha sottolineato il titolare.

É stata  riposta poi la lana cardata in precedenza, considerando che in alternativa sullo stesso materasso si può mettere lo strato di memory, o il cotone sotto e sopra, o il poliestere, dipende dalla richiesta del cliente; il materasso standard prevede la lana da un lato e il cotone dall’altro.

È stato quindi rivestito delle varie parti di tessuto cucite sul materasso, con uno speciale macchinario che ci gira attorno, quindi schiacciato in pressa per poter passare le fettucce da una parte all’altra del suo strato. Lo scopo è quello di tenere ferma e compressa l’imbottitura, quando il materasso fuori dalla pressa, riprende il suo spessore rigonfiandosi.

Ma i capi delle fettucce sporgono e possono dare fastidio, per cui ancora una volta notiamo che l’attenzione artigianale che viene riposta dalla Samaflex ai particolari è notevole e fa la differenza dalla produzione industriale, per cui questi estremi vengono coperti con l’ovatta.

Ormai il prodotto è finito, è Made in Puglia, e va solo confezionato in busta e spedito al cliente di Catanzaro.

Questa giornata ha avuto lo scopo di far conoscere a tutti i bambini e agli adulti presenti, cos’è l’artigianato e la sua importanza, in modo che non vada perso, ma la famiglia Mazzei ci ha tenuto a far sapere che comunque ogni loro cliente viene invitato ad assistere alla fabbricazione del suo materasso.

Alla fine del processo di fabbricazione quindi  possiamo ben dire, avendo visto con i nostri occhi come opera, che la Samaflex si distingue per la massima trasparenza e qualità dimostrata e che ciò è buon indice del Made in Puglia.

Vito Piepoli

Share this post