Cosenza, false assunzioni per truffare l’Inps

La guardia di finanza di Castrovillari (CS) ha scoperto una truffa ai danni dell’Inps, perpetrata da un’impresa mediante 314 false assunzioni di lavoratori, con un danno alle casse dello Stato per 880.000 euro. L’impresa ha presentato all’Ente previdenziale falsi contratti di comodato d’uso gratuito o in appalto, relativi a proprieta’ site nel territorio della Sibaritide e della Valle dell’Esaro, riconducibili anche a persone ignare, e anche false denunce aziendali attestanti l’impiego di lavoratori dipendenti per consentire l’indebita riscossione a questi ultimi di indennita’ di disoccupazione, malattia e maternita’ per gli anni 2012, 2013 e 2014.

L’analisi documentale ha evidenziato la falsa dichiarazione e comunicazione di circa 20.000 giornate lavorative mai effettuate dai falsi operai. L’impresa ha anche emesso fatture per operazioni inesistenti per un importo complessivo di circa 200.000 euro e documentato spese per il personale, mai sostenute, pari a 1.188.000 euro. I due rappresentanti legali dell’ impresa, che si sono succeduti nel tempo, sono stati denunciati per truffa, falso ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. I 314 falsi operai sono stati denunciati per il reato di truffa in concorso con i falsi datori di lavoro.

Go to TOP