Corruzione, in manette il sindaco di Acireale

C’e’ anche il sindaco di Acireale Roberto Barbagallo tra le 8 persone finite in manette (cinque in carcere e tre ai domiciliari) con l’operazione portata a termine dalla Guardia di finanza di Catania, scattata all’alba di oggi su ordine della procura distrettuale antimafia di Catania. L’inchiesta riguarda diversi episodi di corruzione e turbativa d’asta negli appalti pubblici nei Comuni di Acireale e Malvagna in provincia di Messina. Barbagallo, 43 anni, e’ stato eletto sindaco nel 2014. Candidato ‘civico’ per il movimento civico “CambiAmo Acireale”, era sostenuto anche dalle liste “Democratici per Acireale”, “Popolari per Acireale” e “Acireale Futura”. Nel 2009, era stato il primo degli eletti al consiglio comunale di Acireale.

Vai a TOP