Colpo alla ‘ndrangheta: sequestrati beni per 215 milioni a imprenditore

Colpo alla ‘ndrangheta: sequestrati beni per 215 milioni a imprenditore

Beni per un valore complessivo di circa 215 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del comando provinciale di Reggio Calabria, del Nucleo Speciale Polizia Valutaria e del Servizio Centrale I.C.O. di Roma. Il destinatario della misura e’ un imprenditore, Alfonso Annunziata, ritenuto contiguo alla cosca di ‘ndrangheta dei Piromalli, operante sul territorio della provincia reggina. Il patrimonio sottratto comprende le quote sociali di 6 imprese, 85 unita’ immobiliari, 42 rapporti finanziari e denaro contante per quasi 700.000 euro. I beni sono stati sequestrati in Calabria e in Campania in base a un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria. Secondo gli inquiirenti, dalle indagini sarebbe emersa l’esistenza “di un indissolubile rapporto di sinergia economico-criminale” tra l’imprenditore e la cosca Piromalli. Annunziata si sarebbe prestato “volontariamente e consapevolmente, al perseguimento degli scopi imprenditoriali ed economici della predetta consorteria criminale, cosi’ creando e sviluppando, nel tempo, solide cointeressenze economiche, accompagnate da ingenti investimenti commerciali nel territorio di Gioia Tauro”. Annunziata era stato arrestato nel corsod ell’operazione “Bucefalo” nel mese di marzo 2015. Il processo in cui e’ imputato si sta celebrando a Palmi (Rc).

Share this post