Città resilienti. Dialoghi filosofici tra Modena e Matera

Di Eleonora Diquattro

Cosa sono le Città resilienti oggi?

Rispondere a questa domanda è uno degli obiettivi del Festivalfilosofia a Matera, in apertura domani. Con la volontà ambiziosa di divenire un’occasione annuale di alto confronto teorico sulle questioni di fondo che attraversano l’esperienza contemporanea, restituendo al discorso filosofico un’autorevole presenza nello spazio pubblico. Per tre giorni spazi aperti, comuni e diffusi saranno “luogo”di formazione e di conversazione. Dialogai tra filosofi e l’incontri con il pubblico, laboratori, mostre e musica dal vivo, proveranno a fornire delle risposte sulle trasformazioni in atto in Italia e in Europa.

Dopo l’anteprima della Biennale Democrazia che ogni anno si svolge a Torino, Matera apre le porte a un’altra grande città, Modena. A seguito di un’intesa sottoscritta dalla Fondazione Matera – Basilicata 2019, dal Comune di Modena e da alcuni Comuni della sua provincia, dal 15 al 17 marzo si terrà nella capitale europea della cultura un ricco programma di iniziative che avrà al centro il Festivalfilosofia realizzato dal 2001 dall’omonimo consorzio di cui sono Soci i Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo, la Fondazione Collegio San Carlo di Modena e le Fondazioni Cassa di Risparmio di Modena e Carpi.

Dal 15 marzo il Festivalfilosofia farà tappa a Matera nell’ambito di uno dei cinque temi di Matera 2019, «riflessioni/connessioni», perché assume come proprio compito quello di favorire una «cittadinanza culturale» che porti a «immaginare nuovi modelli di vita, cultura ed economia». L’analisi delle trasformazioni del presente è d’altronde la “missione” che caratterizza il festival fin dalla nascita. “Città resilienti. Dialoghi filosofici tra Modena e Matera” è il titolo della manifestazione.

Proponendo linee tematiche già esplorate in precedenti edizioni, il Festivalfilosofia articolerà un percorso sulle connessioni tra arti, lavoro, trasformazioni tecnologiche e nuove forme della creatività, per mostrare le sfide che si pongono nell’epoca della «artificializzazione». Antiche separazioni – come quella tra arti e tecniche – sono in via di ricomposizione, mentre al lavoro si chiede di stabilire nuovi rapporti con l’esistenza dei singoli.

Fra i tanti ospiti, Roberto Esposito mostrerà lo statuto del corpo tra politica e tecnica, anche discutendo la sua manipolabilità e disponibilità nei processi lavorativi (sabato 16 marzo, ore 18, Casa Cava), mentre Stefano Micelli farà il punto sul rapporto tra creatività e nuovo artigianato, segnalando il ruolo delle nuove tecnologie (domenica 17 marzo, ore 12, Casa Cava). Nathalie Heinich, per contro, discuterà la riconfigurazione del confine tra lavoro e opera d’arte, evidenziando le trasformazioni che sono avvenute rispetto alla figura dell’artista (domenica 17 marzo, ore 10, Casa Cava).

Nell’ambito dello stesso programma si terrà “Piccole ragioni. Filosofia con i bambini”, progetto che si caratterizza in una nuova relazione tra sapere filosofico e lavoro educativo con i bambini delle scuole d’infanzia e primaria. Metodologie e linguaggi sono pensati sulla base di una scelta di metodo precisa: la filosofia con i bambini dev’essere un momento di confronto dialogico aperto, nel quale i bambini sono protagonisti del ragionamento e non semplici ascoltatori. Il programma prevede il 15 marzo alle 17.30 una conferenza pubblica di presentazione svolta da Emma Nanetti del San Carlo: “Con la coda dell’occhio. Filosofia con i bambini”. Nanetti cura inoltre una serie di laboratori, alcuni aperti e altri riservati a scuole di Matera: il 15 e il 16 marzo si svolgono “Uffa e Urrà” per bambini da 4 a 6 anni, “Emozionandosimpara” (7 – 10 anni), “G come Giallo, G come Gioia” (4-6 anni) e “Spinoza e il coccodrillo viola”, (7-10 anni).

E’ prevista anche l’inaugurazione della mostra “Dialogo con l’Assoluto” di Giovanni Bellettini organizzata insieme all’associazione Urban Stone Sculpture Park e dal Comune di Fanano che doneranno alla città un’opera dello stesso artista. In programma anche una degustazione di prodotti tipici di Modena realizzata con il sostegno della Camera di commercio di Modena. Nelle stesse giornate fra le vie della città suonerà la banda cittadina “A.Ferri” di Modena che sarà accolta dalla banda “F.Paolicelli” di Matera.

Gli sponsor ufficiali della Fondazione Matera Basilicata2019 sono: Tim, Main Partner; Intesa San Paolo, Gold Partner; Enel, Silver Partner; Di Leo, School Partner; Amaro Lucano, Essential Partner; Bawer, Bronze Partner. I fornitori ufficiali sono Caffè Saicaf e Calia Italia. Official Carrier Trenitalia e FCA. Media partner Euronews

Go to TOP