Centri Sociali, guerriglia a Napoli

Continua la protesta dei centri sociali a Napoli. Al momento un gruppo di attivisti e’ davanti alla sede della Questura di Napoli; lanciati anche dei petardi. Il presidio e’ per protestare contro la conduzione in Questura di un gruppo di attivisti in seguito agli scontri che si sono svolti nei pressi della stazione ferroviaria.

Due attivisti dei centri sociali sono stati portati in ospedale per essere medicati, dopo gli Scontri con le forze dell’ordine, secondo quanto riferito dai portavoce dei manifestanti. La situazione ora si sta progressivamente normalizzando. Secondo il racconto degli attivisti gli Scontri sarebbero partiti dopo che una loro rappresentanza aveva chiesto di far procedere il corteo lungo una strada presidiata dalle forze dell’ordine, ma che non avrebbe consentito l’accesso all’hotel dove si stava svolgendo un incontro di Casapound. Intanto sono in corso controlli su circa trenta manifestanti che sono tenuti fermi, a lato della strada. In zona le forze dell’ordine stanno cercando di rintracciarne altri che sono fuggiti. In una parte della strada il traffico e’ tornato regolare, mentre verso il centro della citta’ una parte della viabilita’ e’ ancora presidiata dalle forze di polizia.

Vai a TOP