Campania: culla della cucina mediterranea

Ventisette  chef stellati, decine e decine di altri grandi interpreti della enogastronomia italiana; delegazioni dalla Francia, dal Brasile, dai Paesi Bassi e dal Belgio; aziende del comparto alimentare non solo Campano ma di tutta Italia.

Sono solo alcuni dei numeri del 29° Congresso Nazionale della Federazione Italiana Cuochi che si terrà a Napoli il 19/20/21 novembre presso Gustus alla Mostra d’Oltremare. Ad annunciare i numeri e i particolari è stato tutto lo stato maggiore della FIC, unitamente alla Unione Regionale Cuochi della Campania, partner dell’evento che per la prima volta si svolge in Campania.

Il congresso, in realtà, è già iniziato con una tre giorni che vede come sede San Domenico Maggiore. Anche qui ci saranno esibizioni e corsi di cucina ed anche qui tutto è stato organizzato con la straordinaria partecipazione del Comune di Napoli e della Regione Campania. Due enti che, immediatamente, hanno sposato la causa dei cuochi italiani ospiti della Campania.

Ad aprire la kermesse gastronomica è stato stamane il cardinale Crescenzio Sepe.  “Sono molto felice di vedere a Napoli tanti cuochi. Ricordatevi che siete voi che avete la responsabilità della nostra salute, per cui lavorate con coscienza e sappiate sempre valorizzare i prodotti che la terra generosamente ci offre – ha commentato l’arcivescovo metropolita di Napoli salutando i cuochi. “ E dopo l’apertura nella Sala Baroni del Maschio Angioino nel pomeriggio l’apertura degli stand a San Domenico Maggiore con la presenza delle autorità cittadini e regionali. A tagliare il nastro il Presidente FIC Rocco Cristiano Pozzulo e il Presidente URCC Luigi Vitiello accompagnati dal Vice Presidente FIC per il Sud Italia Pietro Roberto Montone.

Da sottolineare il progetto che si avvia ad essere varato dalla Regione Campania ed annunciato dal consigliere Alfonso Longobardi, vice presidente commissione Bilancio e Finanze, che riguarda l’apertura di uno sportello presso l’ente regionale, disponibile per i giovani cuochi che vorranno aprire una propria attività ristorativa.

Vai a TOP