Bagnolifutura, l’allarme dei 53 dipendenti: siamo ancora senza risposte

”Continuiamo a tenere sulla testa questa spada di Damocle, intanto da oggi siamo in solidarietà”. È questa la situazione dei 53 lavoratori di Bagnolifutura, la società per la quale è stata decisa la liquidazione il 13 febbraio scorso. Fino a fine febbraio l’azienda li ha messi in ferie obbligate, ma da stamattina sono tornati al contratto di solidarietà. “In giornata potrebbe essere approvata dalla Giunta del comune di Napoli la delibera che assegnerà i compiti al liquidatore dell’azienda, ma non ne siamo certi”. I lavoratori sperano infatti che il liquidatore possa chiarire ai lavoratori almeno la situazione dell’azienda di Bagnoli. “Per noi in realtà conta poco la presenza o meno del liquidatore – hanno ribadito i 53 di Bagnolifutura – Siamo ancora in attesa di avere risposte dal comune. Ci avevano assicurato che avrebbero studiato l’accordo per la nostra ricollocazione in altre partecipate entro fine febbraio, ma fino ad oggi nulla. Forse domani sapremo di più”.

Go to TOP