Intervista a Amos Oz: Il mio Giuda, un traditore fedele al suo destino

image

B.S.Aliberti Borromeo

Amos Oz, celebre romanziere israeliano, più volte candidato al Nobel per la letteratura, dopo 12 anni da “Una storia d’amore e di tenebra” pubblica “Giuda” mettendo su carta la sua amata Gerusalemme in un periodo storica ben preciso: l’inverno tra il 1959-1960. Potagonisti del romanzo sono un giovane squattrinato studente,un colto e disilluso settantenne disabile e una giovane misteriosa donna che assumerà sempre più un ruolo oscuro nella vicenda. I tre, per motivi politici e ristrettezze economiche si troveranno a vivere sotto lo stesso tetto, confrontandosi sulle personali visioni del mondo, sull’amore universale e sul senso delle religioni, tutte contrapposte tra loro, indagando sul significato di tradimento e sulla figura di Giuda nei Vangeli gnostici: una sequela di domande aperte, senza apparente risposta che spinge il lettore ad arrivare alla conclusione del libro.
Oz stesso fu chiamato traditore a soli 8 anni per il semplice fatto di aver fraternizzato con un poliziotto britannico, a quel tempo considerato nemico oppressore di Israele. Oggi, brillante settantacinquenne, è uno degli scrittori più amati e celebrati ma, per le sue posizioni politiche favorevoli alla costituzione di uno Stato palestinese, non giovano alla sua popolarità in patria a causa delle sue equidistanti posizioni tra gli estremisti di sinistra e i fanatici di destra.
Egli stesso sostiene che il suo romanzo non vuole essere un manifesto: “Essere traditori vuol dire essere avanti rispetto al proprio tempo, avere il coraggio del cambiamento rispetto alla massa che spesso rimane disorientata e spaventata. Io stesso fui chiamato traditore e lo sono tuttora; traditore del proprio popolo e lo accetto volentieri in quanto sarà il tempo a giudicare. Chi viene giudicato traditore della patria con le proprie azioni dimostra di essere il più grande fra i credenti, colui che ha amato e ricercato la verità proprio come Giuda.”
L’autore aggiunge :  “Ebraismo, cristianesimo e Islam, trasudano di bontà e pietà tanto da non avere sbarre, manette, potere e patiboli. Io non sono un credente, ho solo e sempre creduto e professato la tolleranza. Vorrei poter comprimere l’umorismo in pillole per farle assumere quotidianamente agli estremisti religiosi e ciò mi permetterebbe di vincere il Nobel per la medicina e per la pace”.
Ammette infine:” La pace in medioriente oggi è possibile più che mai in quanto due popoli che amano la stessa terra possono condividerla senza problemi. La speranza non è una virtù per tempi tranquilli, ma è l’unica di cui abbiamo necessità in epoche instabili e incerte come questa”.

Go to TOP