In partenza il 22 maggio la seconda edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile a cura dell’ASviS – L’Allenza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, che rinnova così il suo impegno nel portare il nostro Paese su un sentiero di sviluppo sostenibile. Obiettivo anche quest’anno del Festival, che si preannuncia ancor più ricco della precedente edizione per numero, varietà e contenuti degli eventi, è quello di coinvolgere fasce sempre più ampie della popolazione sui temi della sostenibilità e di stimolare decisori privati e pubblici perché assumano iniziative concrete e rilevanti per migliorare le condizioni economiche, sociali e ambientali del nostro Paese.

Il Festival proseguirà fino al 7 giugno e si aprirà con l’evento “Italia 2030 – Innovare, riqualificare, investire, trasformare: dieci anni per realizzare un’Italia sostenibile”, che si terrà il 22 maggio all’Auditorium del Maxxi di Roma e sarà organizzato direttamente dal Segretariato dell’ASviS. Il convegno verterà sull’innovazione economica, istituzionale e sociale, la necessità di una vasta riqualificazione delle infrastrutture materiali e immateriali, di un ciclo pluriennale di investimenti, anche pubblici, e di una vera e propria trasformazione dell’attuale modello di sviluppo. Altri due eventi saranno organizzati direttamente dall’ASviS: “SDGs, Climate and the Future of Europe”, un incontro internazionale per discutere di futuro dell’Europa e sostenibilità, che si terrà il 31 maggio all’UniCredit Pavilion di Milano, e l’evento di chiusura del Festival che si terrà il 7 giugno a Roma per condividere i risultati del Festival con le alte cariche dello Stato. Oltre ai tre eventi realizzati direttamente dall’ASviS, ognuna delle giornate del Festival proporrà un evento di rilevanza nazionale, in grado di catalizzare l’attenzione del pubblico e della stampa, che si aggiungerà alle centinaia gli eventi che popoleranno il cartellone dell’edizione 2018.

Sul sito del Festival, in continuo aggiornamento, sono disponibili i programmi degli eventi ed è possibile candidare le proprie iniziative o proporsi per partecipare agli eventi in programma. L’edizione 2018 ricalca il successo della precedente che con i 221 eventi organizzati in 17 giorni su tutto il territorio nazionale, ha dimostrato che la società civile, le università, gli enti locali e tanti soggetti del mondo economico sono pronti ad impegnarsi su questo tema.