12182017Headline:

L’Austria mette sotto osservazione l’Italia: “Controlli serrati sui treni”

Prima la scelta di non rispettare il piano dell’Unione europea per il ricollocamento dei profughi, poi la decisione di controllare tutti i treni in arrivo dall’Italia al Brennero, nella stazione di Brennersee. Qui a pochi passi dal confine, verrà realizzato un apposito binario per non intralciare il traffico merci internazionale e permettere il controllo serrato di tutti i convogli. L’Austria ha deciso di attuare una vera e propria svolta sul tema dell’immigrazione e il governo del cancelliere Christian Kern, socialdemocratico, lo ha spiegato in una lettera inviata a Bruxelles in cui dice di ritenere «ingiustificata» la partecipazione di Vienna al «ricollocamento dei migranti a favore di Italia e Grecia, nel segno della solidarietà europea». Sono passati appena pochi giorni dalle celebrazioni per i 60 anni dei Trattati di Roma e un Paese membro in una escalation di dichiarazioni si sfila da una importante decisione comune perché «si è visto che la realizzazione delle soluzioni va avanti solo a rilento, e che il peso maggiore nel contrasto ai flussi migratori poggia ancora su pochi stati membri», ha spiegato Kern nella missiva inviata all’Unione europea. Secondo il cancelliere tra il 2015 e il 2016 l’Austria ha registrato «oltre 4,5 richieste di asilo» più dell’Italia e «oltre due volte e mezzo» più della Grecia in proporzione alla popolazione.

Il piano di redistribuzione nei paesi dell’Ue di 160 mila richiedenti asilo giunti in Italia e in Grecia dal settembre 2015 prevede che Vienna accolga quasi duemila persone, ma per gli austriaci lo sforzo fatto dal Paese è già stato sufficiente. Per blindare i confini hanno ora deciso di aumentare i controlli grazie alla costruzione di un nuovo binario, che costerà circa un milione di euro, di cui un terzo dovrebbe essere a spese delle ferrovie austriache. Neanche il tempo di festeggiare per la firma della Dichiarazione di Roma, quindi, che il tema dei migranti torna a dividere l’Europa. Dopo i paesi del gruppo Visegrad adesso anche l’Austria dice no alle relocation.  Dimitris Avramopoulos, Commissario europeo per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, ricorda che «la solidarietà non può essere à la carte”», e che «Tutti gli Stati membri devono adempiere ai loro doveri». E al premier polacco Beata Szydlo, che ha parlato di politica inefficace dell’Ue sui migranti, replica senza mezzi termini: «Troppo facile dire che è inefficiente, senza averla attuata». Infine, nel giorno in cui arriva il primo Sì del Senato al piano immigrazione di Minniti, Avramopoulos, giudica «importante» il lavoro del ministro italiano.

What Next?

Related Articles