Zero infrastrutture al Sud, la lunga marcia dei sindacati in Calabria

Zero infrastrutture al Sud, la lunga marcia dei sindacati in Calabria

Martedì 25 giugno, alle ore 10.00 presso la sala biblioteca (1 piano) della Città metropolitana in piazza Italia Reggio Calabria, la Filt-CGIL Calabria, in collaborazione con CGIL Calabria e Reggio-Locri, Filcams Calabria, Inca, Spi Calabria, Auser e l’associazione “L’Amaca”, illustrerà l’iniziativa itinerante “La lunga marcia” che partirà da Reggio Calabria il 4 luglio e si concluderà il 10 luglio a Caulonia Marina, passando attraverso Lazzaro, Bova Marina, Brancaleone, Bianco, Siderno e Roccella. Il percorso di 150 chilometri sarà percorso a piedi dal gruppo dirigente del sindacato per sottolineare le criticità del sistema infrastrutturale calabrese, da quello ferroviario a quello aeroportuale, da quello viario a quello marittimo, e la necessità di una svolta radicale negli investimenti pubblici e privati di cui si devono fare carico immediatamente i governi nazionale e regionale e le grandi aziende pubbliche e private. Senza un ammodernamento infrastrutturale della Calabria il rischio concreto è quello di un ulteriore isolamento e abbandono, dell’asfissia economica, dello spopolamento delle aree interne, della fuga dei giovani cervelli calabresi. Durante le otto tappe saranno forniti alla cittadinanza dati e proposte del sindacato. A Bova Marina, Siderno e Caulonia si terranno tre dibattiti in piazza sui temi dello sviluppo e dell’ammodernamento infrastrutturale della Calabria anche attraverso il ricordo di personalità meridionali a cui parteciperanno intellettuali, sindacalisti, rappresentanti delle Istituzioni, giornalisti, espressioni del volontariato e dell’associazionismo.

Share this post