Vitrociset: a Crotone sperimenta “SNIFF” il primo sistema di eco-monitoraggio che prevede l’inquinamento atmosferico


Vitrociset, azienda ICT leader nella progettazione e gestione di servizi “safe & critical” ha dato il via a Crotone alla sperimentazione di “SNIFF – Sensor Network Infrastructure For Factors”, il primo sistema di monitoraggio ambientale in grado di prevedere il livello di inquinamento atmosferico cittadino in tempo utile per attivare contromisure e allarmi.
Grazie all’utilizzo di un innovativo modello matematico, infatti, Il progetto SNIFF, quantifica il livello di inquinamento dell’aria, individua sul territorio le fonti inquinanti (centrali elettriche, porti, aeroporti o impianti industriali) ed è in grado di prevedere i livelli di inquinamento cittadino nel breve, medio e lungo periodo. Ciò significa che l’amministrazione comunale potrà sapere in anticipo – per esempio – se il livello di smog presente in città si alzerà o si abbasserà e potrà tempestivamente programmare il blocco della circolazione delle autovetture. Il sistema si basa su una rete di sensori distribuiti sul territorio che permettono il superamento dei vincoli e dei limiti dei sistemi attuali e che sono installabili su postazioni sia fisse sia mobili (a bordo di mezzi terrestri e anche di droni (UAV – Unmanned Aerial Vehicles).
Il progetto SNIFF è un progetto di ricerca finanziato dal MIUR nell’ambito del Piano Operativo Nazionale “Ricerca e Competitività 2007-2013” asse 01 Ambiente e Sicurezza cui partecipano Vitrociset (in qualità di coordinatore), le PMI AKREA, CID Software Studio, CRATI, GEO LAB, Laboratorio Tevere ed ITALDATA, enti di ricerca, CNR-Istituto Inquinamento Atmosferico, CIRPS, l’Università degli Studi di Catania, l’Università degli Studi di Milano Bicocca, l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.
Insieme a Vitrociset, responsabile della realizzazione dell’infrastruttura informativa dell’osservatorio innovativo pilota dell’inquinamento atmosferico in ambito urbano comunale, hanno collaborato AKREA, CID Software Studio ed ITALDATA.
Il progetto “SNIFF” – una volta terminata la sperimentazione necessaria per la sua validazione – fornirà alle amministrazioni locali un nuovo strumento per la valutazione della qualità dell’aria, fondamentale per la determinazione dello stato dell’ambiente e premessa indispensabile per la gestione delle criticità e per la pianificazione delle politiche di intervento in materia di ecologia. Il tema del controllo e della gestione della qualità dell’ambiente riveste primaria importanza, a causa delle conseguenze sulla salute che l’inquinamento dell’aria può procurare alla popolazione esposta, in conformità con i principi normativi applicati in Europa e orientati a identificare precise responsabilità a carico di chi inquina. Allo stesso tempo, il sistema fornirà gli strumenti per effettuare corrette verifiche a tutela delle aziende che desiderano avviare un ciclo di miglioramento delle proprie performance ambientali.

Go to TOP