Terremoto in provincia di Firenze: edifici lesionati, ferma l’alta velocità Milano-Napoli

Terremoto in provincia di Firenze: edifici lesionati, ferma l’alta velocità Milano-Napoli

La paura si materializza pochi minuti dopo le 4,30, esattamente alle 4,37, quando un sisma di magnitudo di 4.5 viene registrato nella zona a nord est di Firenze, nell’area del Mugello. Ma le avvisaglie arrivano qualche ora prima. Nel corso della notte, dalle 3,38 alle 3,55 cinque scosse erano state state registrate a Scarperia San Piero, una delle quali di magnitudo 3, mentre alle 4,37, a 4 km di profondita’ ancora a Scarperia San Piero, ce n’e’ stata una di magnitudo 4,5.

Il tempo di realizzare che la terra trema e la popolazione di molti paesini dell’area montana, da Barberino a San Piero a Sieve, da Scarperia a Borgo San Lorenzo si riversa in strada. Numerosi i cittadini che si sistemano in auto, vista anche la pioggia. Tanta la paura ma al momento non si registrano danni significativi, se non per la Pieve di San Silvestro a Barberino del Mugello che subisce danni strutturali su un lato. Tanti quelli che si sistemano in auto, vista anche la pioggia.

Ma la scossa si avverte anche a Firenze, Prato e Pistoia. I centralini della sala operativa della protezione civile dell’Area Metropolitana di Firenze, cosi’ come quelli dei vigili del fuoco iniziano a squillare ininterrottamente. Precauzionalmente il traffico ferroviario sulle linee AV Bologna – Firenze, Bologna – Prato convenzionale, Prato – Pistoia, Firenze – Empoli, Firenze – Faenza, Firenze – Arezzo convenzionale e sulla direttissima Firenze – Roma fra Firenze e Valdarno, e’ sospeso. Al momento i tecnici di Rfi stanno verificando lo stato dell’infrastruttura e contemporaneamente e’ in corso la riprogrammazione dei servizi di trasporto.

Continua a leggere

Share this post