Il Sud in Prima Pagina. Alfano gela de Magistris ma boccia la legge Severino – Crocetta difende le trivelle: creano posti di lavoro

de magistris

Ecco le principali notizie in evidenza sui quotidiani del Sud.

Sicilia, l’ultima beffa 300 dirigenti nei musei, ma non ci sono soldi per le lampadine –  Il Satiro danzante, che sembra librarsi nell’aria con il suo carico di mistica energia, è illuminato ma solo a metà. Il museo che lo ospita, creato apposta per lui nel cuore di Mazara del Vallo, non ha potuto chiamare un elettricista per installare l’illuminazione adatta perché non saprebbe come pagarlo. E il caso della statua in bronzo emersa miracolosamente dal mare nel 1997 non è isolato. Al Paolo Orsi di Siracusa, uno dei più importanti scrigni di tesori preistorici, greci e romani del Mediterraneo, le telecamere di sicurezza si sono rotte da tempo ma è impossibile ripararle.

 

Gelo Alfano-de Magistris ma il ministro avverte “Cambiare la Severino” – Il Viminale: “La norma va modificata prima che faccia altre vittime . Il governo difende la sospensione, il dibattito politico è altra cosa” – La legge Severino «va cambiata» prima che «faccia altre vittime innocenti». È la richiesta avanzata dal ministro dell’Interno, Angelino Alfano, rispondendo a una domanda ieri in città, a margine della firma di un protocollo d’intesa con il Comune e il ministero della Difesa sulla scuola militare Nunziatella. «La legge non funziona e va cambiata. Al di fuori delle ideologie occorre fare considerazioni di buonsenso. Prima che faccia altre vittime innocenti, cambiamola», ha spiegato il responsabile del Viminale.

Bari, Asl senza mensa paga 11,5 milioni ai dipendenti – Risarcimento record di 11,5 milioni di euro e accordo per il diritto alla mensa. Sono i due nodi principali della trattativa in corso in queste ore tra l’Asl Bari e dipendenti con i sindacati. La soluzione potrebbe arrivare domani pomeriggio, nel corso di un nuovo incontro tra le parti. Sarebbe un accorso storico perché metterebbe fine alla mole di migliaia di contenziosi giudiziari che a partire dal 2008 hanno dissanguato le casse dell’Asl barese e allo stesso tempo potrebbe garantire, dopo anni, il diritto alla mensa per i lavoratori dell’azienda.

Crocetta: “Ecco le contropartite del sì alle trivelle” – Il governatore difende il patto con i petrolieri “Vale mezzo miliardo e 6.500 posti di lavoro. Con questo accordo risolvo i problemi occupazionali non solo di Gela, ma anche di Palermo — dove si costruiranno le trivelle — e delle zone industriali di Milazzo e Priolo, dove sarà raffinato il greggio». Rosario Crocetta difende l’accordo con i petrolieri: «Vale 500 milioni e 6.500 posti di lavoro. E non avrà alcun impatto sull’ambiente. Chi lo contrasta è un nemico della modernità».

[flagallery gid=457]
Go to TOP