Un palermitano, non può andare a casa sua, a Palermo, perché sprovvisto di Super Green Pass. E’ l’assurda e incredibile storia di Fabio Messina, agente di commercio siciliano fermo da lunedì a Villa San Giovanni. Con la propria auto è andato a Genova per lavoro, prima che scattasse il nuovo decreto, ma non ha potuto fare ritorno nel proprio domicilio ed è fermo da giorni in attesa di novità dagli Avvocati. Da giorni vive in macchina. Non può andare in albergo né al bar. Tutto gli è vietato.

“Stavo per tornare a casa ma non ci sono riuscito – ha spiegato l’uomo ai microfoni di StrettoWeb – Sono sceso in auto da Genova a Villa San Giovanni, ma qui ho trovato un ostacolo. Non essendoci un ponte fisico, il traghetto è l’unico mezzo che ho per tornare a casa. Dato che è previsto di poter attraversare le Regioni senza alcun titolo sanitario, ero convinto di poter passare, ma mi sbagliavo. Quello che è stato pubblicato dal Consiglio dei Ministri è che si può passare da una Regione all’altra con mezzo privato, ma a me è stato disatteso”.

Fabio Messina ha (per fortuna) anche la voglia di buttarla sull’ironia: “Secondo me ce l’hanno con gli isolani o vogliono fare in modo che si faccia il Ponte sullo Stretto. A parte gli scherzi, dice, è un problema di interpretazione della norma, è palese il fatto che si possa transitare da Regione a Regione e, pur non essendo unita, la Sicilia è una Regione italiana. Tra l’altro potrei andare da Villa fino ad Oslo e nessuno mi chiederebbe nulla se non la carta d’identità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *