Sentenza choc, la Corte di Strasburgo “assolve” bruno Contrada

Sentenza choc, la Corte di Strasburgo “assolve” bruno Contrada

bruno contrada

Bruno Contrada non andava condannato perché il reato di concorso esterno in associazione mafiosa non era giuridicamente definito all’epoca dei fatti a lui contestati. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo condannando l’Italia a una multa di diecimila euro per danni morali e al pagamento di 2.500 euro per spese processuali. La fattispecie di reato in questione, scrive la Corte, è il risultato di un iter giurisprudenziale avviato verso la fine degli anni 80 e consolidato nel 1994. E Contrada, incriminato per fatti che risalgono al periodo compreso tra il 1979 e il 1988, non poteva ragionevolmente prevedere di compiere il reato. Si tratta, fa sapere il tribunale di Strasburgo, di una violazione dell’articolo 7 della convenzione europea dei diritti dell’uomo (“Nulla poena sin lege”), quella per cui “nessuno può essere condannato per una azione o una omissione che al momento in cui è stata commessa non costituiva reato secondo il diritto interno o internazionale”.

Share this post