Saues: caso Calabria, no a disparità di trattemento su indennità aggiuntiva a medici convenzionati

“Quando si parla di diritti e lavoro non è né comprensibile né accettabile una disparità di trattamento nell’ambito dello stesso profilo professionale: il caso Calabria, regione nella quale l’indennità aggiuntiva riservata da norme regionali ai medici convenzionati di emergenza territoriale viene riconosciuta in un’Asl ma negata e bloccata in un’altra che addirittura ne chiede la restituzione a chi l’ha già percepita, non è plausibile”. Lo afferma il presidente nazionale del Saues, sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria, Paolo Ficco.

“Premesso che l’indennità di cui parliamo dovrebbe essere doverosamente riconosciuta su tutto il territorio nazionale a tutti i medici di emergenza territoriale, non si capisce con quale coraggio un’azienda la neghi addirittura con effetto retroattivo chiedendone la restituzione a chi peraltro è stato chiamato in prima linea a combattere un’emergenza pericolosissima come quella del coronavirus, ben nota a tutti”, sottolinea Ficco. “Auspichiamo e confidiamo in un intervento tempestivo della presidente Santelli”, conclude Ficco.

Go to TOP