image

Di Nadia Pedicino

Sarà intitolata allo storico direttore generale della RAI e direttore della Scuola di Giornalismo dell’Ateneo salernitano, Biagio Agnes, la sala stampa del campus di Fisciano, che verrà inaugurata lunedì 2 marzo alle ore 11.
L’Università degli Studi di Salerno celebra così una figura di spicco del suo recente passato, pur volgendo lo sguardo al futuro.  Interverranno alla cerimonia il Rettore Aurelio Tommasetti, il giornalista Pino Blasi e Gennaro Sangiuliano, direttore designato della Scuola di Giornalismo.
Il Rettore Tommasetti saluterà alle ore 12 i cinquantacinque tra professori associati e
ricercatori, che dal primo marzo entreranno a far parte della comunità accademica.
Biagio Agnes, di origini irpine, era entrato alla Rai nel 1958, dopo aver iniziato la sua attività giornalistica al Corriere dell’Irpinia. E in Rai ha percorso tutta la carriera: redattore alla sede di Cagliari, capo servizio al Giornale Radio, condirettore del Telegiornale, fondatore e direttore del Tg3, vice Direttore Generale per la radiofonia. Dal 1982 al 1990 è stato storico Direttore Generale della Rai, tra i più longevi della tv pubblica. Sotto la sua direzione la Rai ha affrontato i profondi cambiamenti intervenuti nel settore radiotelevisivo con l’avvento della tv commerciale. Con Agnes direttore generale sono stati avviati nuovi servizi, come Televideo, e sperimentato nuove tecnologie quali le trasmissioni via satellite e l’alta definizione. Sotto la sua direzione fu istituito il centro televisivo di Saxa Rubra.
Tra le sue intuizioni tv l’ideazione, insieme a Luciano Lombardi D’Aquino, del celebre programma medicotelevisivo Check-up, trasmesso su Rai1. Andato via dalla Rai, nel ’90 è diventato presidente della Stet, la holding delle telecomunicazioni e nel ’97 presidente di Telemontecarlo.
Nel 1987 Agnes è stato nominato Cavaliere del Lavoro, nel 1992 ha ricevuto la laurea honoris causa in Comunicazione e Telecomunicazioni dell’Università.
Nel 2006 è diventato direttore della Scuola di Giornalismo dell’Università di Salerno, corso biennale post laurea riconosciuto dall’Ordine dei Giornalisti. Incarico che ha portato avanti fino alla sua scomparsa avvenuta nel 2011.