Sabato parte la nuova missione Nasa per Marte

Missioni su Marte

Nel luglio del 1965, la navicella Mariner 4 sorvolò Marte e prese la prima immagine ravvicinata di un altro pianeta, una serie di numeri che gli ingegneri impazienti colorarono a mano.

mariner4.jpg

Immagine del nastro Ticker di Marte, colorata dagli ingegneri della NASA.Merci NASA / JPL-Caltech / Dan

Da allora, la Terra ha inviato 18 veicoli spaziali per cercare di atterrare su Marte o sulla sua luna più grande, Phobos. Cinque non ce l’hanno fatta, quattro si sono schiantati su Marte e due sono falliti dopo l’atterraggio. Solo sette toccarono piano e sopravvissero per scattare le proprie fotografie.

viking1.jpg

La prima fotografia scattata sulla superficie di Marte, di Viking 1, il 20 luglio 1976. NASA / JPL

Il lancio della sonda InSight della NASA è previsto per sabato e atterrerà su Marte il 26 novembre.

In caso di successo, il lander si unirà a due rover ancora operativi su Marte e una flotta crescente di veicoli spaziali che studiano il pianeta dall’orbita di Marte.

Ascoltando i terremoti

Dopo l’atterraggio, InSight dispiegherà i suoi pannelli solari e userà il suo braccio robotico per posizionare due strumenti sulla superficie marziana.

Un sismometro sotto una cupola protettiva ascolterà per i terremoti, che non sono mai stati confermati.

Il sismometro di InSight è in grado di rilevare vibrazioni inferiori al diametro di un atomo e dovrebbe essere in grado di rilevare gli impatti dei meteoriti e il rigonfiamento delle maree del terreno dalla gravità della luna Phobos.

InSight non sarà solo durante la sua crociera di sei mesi su Marte. Due piccoli CubeSat, ciascuno delle dimensioni di una cartella, rimarranno dietro e monitoreranno la discesa della navicella sulla superficie del pianeta.

marco.jpg
Vai a TOP