Rischio Vesuvio, via libera della Protezione civile ai piani di emergenza

vesuvio da sud est malko

“Esprimo piena soddisfazione per l’esito della riunione del Comitato operativo di Protezione civile che si e’ svolto ieri a Roma, presso la sede del Dipartimento della Protezione civile, per condividere con tutte le componenti e strutture operative del Servizio nazionale, Prefetture, forze dell’ordine, forze armate, Ministeri competenti, Vigili del fuoco, Capitanerie di porto, gli Istituti di ricerca e la comunita’ scientifica, le Societa’ di servizi essenziali, delle telecomunicazioni e dell’energia elettrica, le indicazioni per l’aggiornamento delle pianificazioni di emergenza per il rischio vulcanico del Vesuvio. Questo documento con le indicazioni e’ propedeutico alle pianificazioni di emergenza dei Comuni interessati, della Regione Campania, delle Regioni che dovranno ospitare la popolazione evacuata preventivamente dai Comuni gemellati, e di tutte le altre strutture operative coinvolte nell’ambito di una emergenza per il rischio Vesuvio.

Le indicazioni seguono la direttiva del presidente del Consiglio, proposta dal Dipartimento nazionale di Protezione civile e dalla Regione Campania, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 12 maggio scorso, che individua la nuova zona rossa e i gemellaggi tra ciascun Comune incluso in questa area e le Regioni e/o le Province autonome”. Cosi’ l’assessore alla Protezione civile della Regione Campania Edoardo Cosenza, al termine del vertice nazionale convocato e coordinato dal capo del Dipartimento nazionale di Protezione civile, prefetto Franco Gabrielli.

Go to TOP