Al termine di complesse indagini coordinate dalla locale Procura  Distrettuale, la Squadra mobile di Reggio Calabria ha eseguito quattro provvedimenti restrittivi, emessi dal G.I.P. presso il Tribunale, nei confronti di altrettanti soggetti, inseriti nella   cosca di ‘ndrangheta dei “Ficareddi”, ritenuti responsabili, in concorso, dei delitti di tentata estorsione   nei confronti di del titolare di un bar, il ‘Caffè Mary.  In carcere sono finiti Giovanni e Maria Ficara, di 63 e 41 anni, padre e figlia, ed il marito della donna, Domenico Ecelestino (41). Arcangelo Mirisciotti, 30 anni, è ai domiciliari per intestazione fittizia. Gli arrestati sarebbero inseriti nella cosca della ‘ndrangheta dei Ficara.