Reggio Calabria, maxi-sequestro di prodotti cinesi illegali

guardia di finanza

I finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno sequestrato circa 11 mila articoli individuati presso due punti vendita gestiti da due persone di nazionalità cinese. Partendo da controlli di routine, i “Baschi verdi” del Gruppo di Reggio Calabria hanno ripercorso a ritroso la filiera distributiva sino a localizzare delle vere e proprie centrali di rifornimento costituite da due esercizi commerciali della città.

Una volta all’interno, le Fiamme gialle si sono trovate di fronte a locali in cui venivano stoccati accuratamente attrezzi da lavoro, casalinghi, articoli da regalo, giocattoli, ferramenta, prodotti per la cura e l’igiene personale, materiale elettrico, articoli di cancelleria, custodie per cellulari e, addirittura, dispositivi medici, i quali, non sono risultati essere dotati del prescritto marchio “CE”, e, quindi, non conformi alle prescrizioni di legge emanate a tutela della sicurezza e salute dei consumatori finali. La merce sequestrata in via amministrativa, se venduta al dettaglio, avrebbe potuto fruttare un valore stimato in circa 1 milione di euro.

Go to TOP