image

Di Simona D’Albora

‘O ssaje comme fa ‘o core, non lo avremo mai voluto sapere, non lo avremo voluto sapere stanotte quando ha smesso di battere, quel cuore che non funzionava bene, come quello del suo amico Massimo Troisi andato via prima di lui, il 4 giugno del 1994.  Massimo e Pino si erano conosciuti negli anni ’70, nella trasmissione televisiva No Stop, Troisi faceva parte, insieme ad Enzo de Caro e Lello Arena de La smorfia, un gruppo comico, mentre Pino Daniele maturava il suo percorso musicale. E forse per questa voglia di voler far conoscere una Napoli diversa,  più moderna, quella vista attraverso i loro filtri, l’intesa tra i due nasce subito, tanto ch negli anni Troisi dirà di quel primo incontro negli studi televisivi di No Stop: “Stranamente sembrò a tutti e due di esserci già incontrati”.
Pino Daniele ha firmato ben tre colonne sonore dei film di Massimo Troisi: Ricomincio da tre, le vie del Signore sono finite e Pensavo fosse amore e invece era un calesse, della loro collaborazione artistica proprio il cantautore aveva dichiarato in un’intervista: “Tra di noi c’era una grande sintonia, era facilissimo lavorare con Massimo perché mi lasciava molto campo libero nella scelta delle musiche, nella proposta, nel gusto: si fidava molto del mio intuito.” Un’amicizia e un sodalizio artistico che trovava la massima espressione in quei siparietti che solo loro due riuscivano a rendere nella loro napoletanità universali. A fare da spalla  spesso Gianni Minà, che si prestava ai loro scambi di battute. Insieme scrissero anche due canzoni, una nata da una poesia di Massimo Troisi, sul cuore e l’altra nata per il film Pensavo fosse amore e invece era un calesse. E forse proprio provando l’emozione di scrivere una canzone che Massimo disse a Pino Daniele:”Tu soffri due giorni e faje na canzone di due minuti, io per fare un film di tre ore aggia suffrì da quando ero piccolino.
Massimo e Pino, amicizia, sodalizio durato tutta la vita fino a che il cuore di Massimo non ha smesso di battere per prima, possiamo immaginarlo in paradiso mentre prepara il suo ultimo film  e parafrasa sé stesso abbracciando il suo amico: “Pino hai presente, il mio progetto? Finalmente quassù ho avuto il tempo di preparare il film per la tua canzone”