Uno sciame sismico di forte intensità è stato registrato sul versante sud del monte Etna: l’Ingv di Catania, infatti, ha rilevato oltre 50 sismi, diversi dei quali con magnitudo superiore a 3. Il movimento di maggiore intensità si è verificato alle 10.51 e ha fatto registrare una magnitudo pari a 3.5. I terremoti non sono stati avvertiti dalla popolazione e, al momento, non si hanno notizie di danni a persone o cose.

Ipocentro e profondità – L’ipocentro è stato localizzato nella zona tra Ragalna e Monte San Leo. Le scosse verificatesi fino ad ora sono avvenute a una profondità compresa tra i 10 e i 15 kilometri di ipocentro. Da qualche giorno l’Etna è tornato in attività nell’area sommitale del vulcano.

Oltre 50 movimenti sismici – Sono stati oltre 50 i movimenti sismici registrati dall’Ingv a partire dalle 6.50 del mattino e lo sciame non si può ancora considerare esaurito. Finora sono state cinque le scosse uguali o superiori a magnitudo 3: 3.2 (alle 09.15), 3.0 (09.51), 3.1 (10.44), 3.5 (10.51) e 3.2 (10.59). Sette terremoti hanno avuto una magnitudo compresa tra 2.1 e 2.8.