Palermo, uccisa davanti alla figlia di 11 mesi

I carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Termini Imerese e della Stazione di Cerda hanno eseguito stamani due fermi emessi dalla Procura di Termini Imerese a carico di Florin Buzilà, 19 anni, e Paul Todirascu, 18 anni, entrambi romeni incensurati, entrambi accusati dell’omicidio di Alina Elena Bità, la giovane connazionale uccisa nella propria abitazione a Cerda (Palermo), davanti alla figlia di 11 mesi, lo scorso 9 ottobre. Secondo gli investigatori dell’Arma, i due, cugini del marito della vittima, si erano introdotti nell’appartamento per rubare un’esigua somma di denaro. Un furto, però, finito nel sangue con lo strangolamento della giovane donna. Alina Elena Bità fu trovata dagli investigatori in camera da letto, riversa a terra. Poco distante la bimba, di appena 11 mesi, in lacrime.

Vai a TOP