Palermo, la sfida di Zamparini: ricorrerò al Tribunale dei diritti dell’uomo

Palermo, la sfida di Zamparini: ricorrerò al Tribunale dei diritti dell’uomo

“Poiche’ mi arrivano telefonate di solidarieta’ come se io fossi agli arresti domiciliari, voglio precisare e smentire tale notizia: sono un cittadino libero”. Cosi’ scrive il proprietario del Palermo Maurizio Zamparini sul sito ufficiale del club a proposito della decisione del Riesame sugli arresti domiciliari. Zamparini resta libero perche’ il provvedimento non e’ esecutivo fino alla pronuncia della Cassazione. “Il Tribunale del Riesame – si legge – ha concesso i domiciliari su richiesta della Procura, sapendo che sono non esecutivi per via del nostro ricorso che faremo in Cassazione, in cui verra’ dimostrata da prove lampanti l’inconsistenza di tutte le accuse indiziarie. Ho incaricato i miei legali di Londra di portare il mio caso, per quanto sta accadendo con la Procura di Palermo, davanti al tribunale internazionale dei Diritti dell’uomo. Non richiedero’ danni ma la tutela della mia immagine di uomo profondamente onesto e lontano mille miglia dai reati che vengono ipotizzati”.

Share this post