beni confiscati camorra

Tra pochi giorni prenderanno il via i lavori per la costruzione del canile comunale di Salemi, in provincia di Trapani, che sorgera’ su un terreno confiscato alla mafia. E’ stato infatti firmato il contratto tra il Comune e la ditta aggiudicatrice dell’appalto e cosi’, a breve, verra’ aperto il cantiere per la realizzazione della struttura. L’area su cui sorgera’ la struttura ha un’ampiezza di 4.700 metri quadrati ed era stata assegnata al Comune nel 2004 con un provvedimento dell’Agenzia del Demanio. I tempi di realizzazione saranno di circa sei mesi. Il terreno, da tempo confiscato a Cosa nostra insieme con un immobile, si trova in contrada ‘Baronia’.

Il sindaco, Domenico Venuti, intende inoltre avviare l’iter per la realizzazione di un cimitero per cani all’interno dello stesso complesso. Si conclude cosi’ il percorso che vede come primo passo il sequestro di un bene alla criminalita’ organizzata, la successiva confisca e, infine, il riutilizzo a scopi sociali. “La realizzazione del canile – ha spiegato Venuti – ha un grande valore anche simbolico. La legalita’ e’ fatta di comportamenti quotidiani e atti concreti come questo. Il canile – ha aggiunto Venuti – rappresenta anche un’ottima strada per la risolvere un vecchio problema, come quello del randagismo, a costi contenuti. In questo modo diamo una risposta ai cittadini e alle sollecitazioni che erano arrivate anche dagli organi preposti al controllo del territorio”.