0 28 secs
IlSudOnLine

Prima notte fuori casa per le undici famiglie del civico 32 di via Ventaglier,i nel quartiere Montesanto a Napoli che sono state sgomberate in via precauzionale per la voragine che si è aperta ieri nella strada.
Immediata l’attivazione della municipalità per limitare i disagi alle persone. In particolare, 35 sono state alloggiate nella struttura comunale del palazzetto Urban e sono stati forniti anche pasti caldi.
Intanto sono al lavoro operai e tecnici del reparto fognature e dell’Abc, l’azienda idrica napoletana per ripristinare la strada e consentire alle famiglie di tornare nelle rispettive abitazioni.
Ancora da accertare, invece, le cause che hanno determinato il cedimento della strada.
I tempi di ripristino della sede stradale non dovrebbero essere lunghi, forse qualche giorno, anche se poi si dovranno effettuare le verifiche di staticità del fabbricato proprio per stabilire il rientro dei nuclei familiari nelle proprie abitazioni.
Il presidente della Seconda Municipalità, Francesco Chirico punta l’indice su prevenzione e manutenzione, impossibili da effettuare, ha detto. con i continui tagli ai fondi e l’oobbligo a rispettare i conti comunali

Leggi di più

Torre del Greco ricorda le quattro vittime del Ponte di Genova: vogliamo giustizia
Le foto dei quattro amici inseparabili morti nel crollo del
Crotone dice no al Reddito di Cittadinanza: “Lo avrà chi evade le tasse”
Crotone, costa est della Calabria. La città fino ad ora
Le notizie in prima pagina sui giornali di martedì 13 novembre
Politica Interna La libertà di stampa. Le accuse e le

Le nostre pubblicazioni

gratis per i nostri lettori

L’edizione del 15 novembre 2018 del “Sud On Line-Panorama”, il giornale dedicato al Mezzogiorno. Ma non solo. Notizie, approfondimenti, inchieste. Scarica l’edizione del 15 novembre
/ Nov 15
Terzo Tempo
0 2 mins
IlSudOnLine

Vincenzo Russo nasce a Palma il 16 giugno 1770 nella casa ancora attualmente ubicata al civico 11 di via Vicoletto Russo. Laureato in medicina a Nola e in giurisprudenza a Napoli, aderì ai principi giacobini di Robespierre ed entrò nelle società segrete Club rivoluzionario e Società patriottica. In queste sedi, egli evidenziò la necessità della lotta armata e rivoluzionaria da attuare contro lo stato borbonico per dare potere e diritti ai più deboli. Queste idee “protocomuniste” gli costarono l’esilio.

L’entusiasmo causatogli dalla Rivoluzione francese lo convinse a fuggire prima a Milano, poi in Svizzera ed infine a Roma, dove sostenne la Repubblica Romana grazie all’alleanza con i francesi. In questo periodo egli fu protagonista della vita culturale della capitale, animando l’attività dei circoli democratici, con ardenti conferenze e scrivendo sui nuovi giornali.

Fu tra coloro che spinsero i francesi a proclamare la repubblica anche nel Mezzogiorno, e nella neoproclamata Repubblica Napoletana egli collaborò al Monitore napoletano, il giornale diretto da Eleonora Pimentel Fonseca e scese spesso a parlare fra il popolo. La Repubblica aveva però i giorni contati. Le armate “Sanfediste” guidate dal cardinale Fabrizio Ruffo, al servizio dei Borbone, sostenute in particolare dagli inglesi e appoggiate dalla sollevazione dei “lazzari” (anche detti lazzaroni, ovvero la plebe fedele al re), passarono al contrattacco. Russo venne preso con le armi in mano il 13 giugno e giustiziato il 19 novembre 1799, a soli 29 anni: venne infatti impiccato in Piazza del Mercato, a Napoli. Da quel momento, egli divenne un martire del giacobinismo italiano. Il suo corpo fu tumulato nella Chiesa di San Matteo Maggiore al Lavinaio.

Leggi di più

I tre tenori arrivano al museo Filangieri di Napoli
Il Museo Filangieri di Napoli si apre per la prima volta alla
Accadde oggi nel Sud, 15 novembre 1647: il duca di Guisa a capo della Repubblica di Napoli
Subito dopo la cacciata delle truppe spagnole e la dichiarazione
LA LETTURA. Alla scoperta della Grande Guerra
In occasione del centenario dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale,
Le reti
0 3 mins
IlSudOnLine

“Basta ai roghi tossici, mai piu’ terre dei FUOCHI. Lunedi’ saro’ a Caserta, con sette ministri di questo Governo, per firmare il ‘Piano d’azione per il contrasto dei roghi di rifiuti’. Su impulso del nostro ministro all’Ambiente Sergio Costa e con la piena condivisione di tutti i ministri, presenteremo un programma concreto di interventi nella lotta a fenomeni come discariche abusive, interramento di rifiuti, roghi tossici e qualsiasi altra forma di violazione del territorio”. Lo scrive su Facebook il premier Giuseppe Conte.

“Il Governo del cambiamento dichiara guerra a mala gestione e traffici illeciti che per troppi anni, nel silenzio dei governi precedenti, hanno devastato un territorio meraviglioso tristemente ribattezzato TERRA dei FUOCHI, con conseguenze inaccettabili sulla salute dei cittadini”, continua Conte. “Il protocollo che andremo a firmare interessera’ non solo la Campania, ma tutti i territori dove esistono queste problematiche. Metteremo in atto interventi per la tutela della salute della popolazione, dell’ambiente e dell’ecosistema, e per il presidio del territorio. Questo Governo – conclude – vuole riappropriarsi di un pezzo prezioso del suo territorio che per troppo tempo e’ stato considerato TERRA di nessuno. Invece lo Stato c’e’ e posso assicurare che non faremo sconti”

“Lunedì alle 18.30 vi aspetto a Caivano insieme ai miei colleghi ministri. Ci ritroveremo lì dopo aver firmato il protocollo con il quale il governo si impegna in prima persona per la Terra dei fuochi. Risposte certe, ma sia chiaro: abbiamo appena cominciato. C’è ancora molto da fare. Voglio che la mia Terra torni alla normalità, che i roghi si spengano per sempre. Domani sera deve essere un nuovo inizio e vi chiedo di farlo insieme, perché questa è la cosa più importante. Vi abbraccio e vi aspetto”. Lo scrive il vice premier Luigi Di Maio su Facebook.

Prosegue da giorni una campagna propagandistica montata a freddo, in relazione al tema dei rifiuti in Campania. Ci sentiamo da giorni come un padre di famiglia che si ritrova in casa degli ospiti che cominciano ad azzuffarsi, a gridare come se fossero al mercato. E’ del tutto evidente che le questioni della Campania sono soltanto un pretesto per una campagna tanto miserabile quanto irresponsabile. Hanno fatto piu’ danni a Napoli e alla Campania queste zuffe politiche inconcludenti che i roghi che ci sono stati in questi anni. E’ sconcertante l’assenza di qualsiasi proposta concreta e praticabile”. Lo afferma il governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

Leggi di più

Le buone notizie del Sud: Turismo, è boom in Campania: +7%
Buone notizie per il turismo in Campania. Il trend continua
Fondi Ue, via libera al credito di imposta. Lezzi: accolte le nostre richieste
 “Dopo mesi di lavoro e interlocuzione, sul credito d’imposta abbiamo
Otto italiani su dieci vorrebbero un figlio impegnato in agricoltura
Otto italiani su dieci (82,1%) sarebbero contenti se il proprio
“Reflection”, in 50 scatti la complessità del quotidiano tra Napoli e Colombo
Cinquanta scatti per raccontare sguardi, oggetti e paesaggi incontrati in

Appuntamenti e comunicati

L’ultimo appuntamento, include una tappa obbligatoria nel ’68 – di cui quest’anno si celebra il cinquantenario – confrontando questa utopia con quella cibernetica e digitale dei social di oggi, con quattro proiezioni. Si comincia sabato 17 novembre, alle ore 21:30, con il tema dedicato alle “Utopie del terzo millennio”, dal Quarto Potere a Internet, con un tris di opere. Il primo film è “Deep Web”, il documentario di Alex Winter sulla parte più oscura della
/ Nov 15
Sapevi che gli scontrini fiscali non vanno insieme alla carta? E che un giocattolo non può andare nella plastica, perché non è un imballaggio? E che un bicchiere di cristallo non va nel vetro? La raccolta differenziata ha l’obiettivo di avviare ciascun rifiuto differenziato verso il trattamento di recupero e riciclo. Quindi il cittadino è il primo anello del ciclo ed è colui che deve avere tutte le informazioni necessarie per svolgere questo compito nella
/ Nov 15
Venerdì 16 novembre la commedia “Il malocchio” con Giacomo Rizzo e Caterina de Santis, aprirà la stagione teatrale al teatro Cimarosa di Aversa, (inizio ore 21, info e prevendita allo 0818908143). Il lavoro teatrale in vernacolo lucerino, scritto da Germano Benincaso, è stato tradotto e riadattato in napoletano da Giacomo Rizzo che lo rappresenta dal 1998 nei teatri di tutt’Italia. Protagonista della commedia è “Totonno Passaguaje”, un personaggio suggestionato dalla convinzione di essere stato colpito
/ Nov 15
Millecinquecento metri quadri di superficie, per un totale di novanta tonnellate di acciaio, armati in soli due giorni e “pronti al getto” grazie al lavoro di dodici operai e all’utilizzo di tappeti e armature preassemblate. Questo il cantiere che caratterizza un’opera strategica del territorio etneo – il polo d’eccellenza della sanità privata che nascerà a Misterbianco – che verrà realizzata in soli nove mesi con un risparmio di tempo dell’80% e di costo del 30%
/ Nov 15

Video e Gallerie

Il video dello chef che cucina l’aria fritta per i suoi clienti…
Una bomba davanti al negozio concorrente: le immagini choc dell’attentatore
La pista è occupata e l’aereo si salva in extremis: un video da brividi
Lo sapevate che i gatti possono essere anche liquidi? Ecco un video che vi sorprenderà
Le immagini choc delle fiamme in un appartamento di Catania
Il video di un probabile Ufo avvistato a Imperia da un uomo delle forze dell’ordine
La sposa arriva in ambulanza al Comune: il video delle polemiche
< >